Traino auto

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Segue una guida informativa e pratica su come trainare l'auto, con le indicazioni passo passo per operare in modo corretto, in sicurezza e nel rispetto del Codice della strada.

Cosa prevede la normativa?

Il traino di un veicolo in avaria, operazione da limitare a brevi tratti per portarsi in uno spazio sicuro, è disciplinato dall’articolo 165 del Codice della strada (Traino di veicoli in avaria).

La normativa richiamata prevede che l’operazione di traino di un altro veicolo, non classificato come rimorchio, può aver luogo solo se questi è in stato di avaria. Il traino deve avvenire mediante un solido e sicuro collegamento a mezzo fune, catena, cavo, barra rigida od altro analogo attrezzo, purché “segnalati in modo tale da essere avvistati e risultare chiaramente percepibili da parte degli altri utenti della strada”. Durante l’operazione di traino il veicolo trainato deve segnalare la propria presenza usando il dispositivo a luce intermittente (segnalazione luminosa di pericolo: lampeggio delle 4 frecce). In mancanza delle quattro frecce, posteriormente al veicolo trainato bisogna esporre il triangolo mobile di pericolo o il pannello quadrato a strisce bianche e rosse con rifrangenti, per carichi sporgenti. Durante il traino, il veicolo trainante deve accendere il dispositivo di luce gialla se ne è dotato. I conducenti di entrambi i veicoli (trainato e trainante) devono adottare tutte le cautele utili a garantire la necessaria sicurezza a se e agli altri. La mancata osservanza delle disposizioni comporta una sanzione amministrativa.

Iter operativo.

Vediamo come procedere, ipotizzando di utilizzare la barra rigida, in considerazione del tipo di guasto che ha compromesso l’impianto frenante, e che le auto siano dotate del cosiddetto occhione di traino.

Passo 1

Posizionate l’auto trainante anteriormente a quella da trainare, distanziandola di quando basta per inserire tra le stesse la barra di collegamento.

Passo 2

Recuperate tra gli attrezzi in dotazione delle due auto gli occhioni di traino. Nelle auto di nuova generazione il gancio traino è stato sostituito dal cosiddetto occhione di traino il cui alloggio è integrato nei paraurti, nascosto per ragioni estetiche da apposito sportellino.

Passo 3

Rimuovete gli sportellini di copertura degli alloggi filettati e avvitate i due occhioni di traino, rispettivamente, nella sede posta nel paraurti anteriore, per l’auto da trainare, ed in quella posta nel paraurti posteriore per l’auto trainante.

Passo 4

Collegate le due auto a mezzo della barra rigida, avendo l’accortezza di chiudere bene i dispositivi di ancoraggio. Tenete presente che la barra di traino (ma anche la fune, il cavo e la catena) deve essere fissata esclusivamente agli occhioni di traino o ganci traino, per evitare di danneggiare l'auto o cacciarsi in situazioni pericole.

Passo 5

Segnalate la presenza del collegamento tra il veicolo trainato e quello trainante sistemando un straccetto rosso al centro della barra rigida.

Passo 6

Portatevi ai rispettivi posti di guida, accendete le quattro frecce e partite lentamente evitando strappi, procedendo ad una velocità prossima ai 35-40Km/h. Se l’auto trainata presenta problemi all’impianto elettrico, per cui non funzionano le quattro frecce, provvedete ad esporre posteriormente alla stessa il triangolo di pericolo o il pannello a strisce bianche e rosse con rifrangenti, per carichi sporgenti. Durante il traino, l’auto trainata deve tenere il contato inserito (posizione di marcia), in modo da evitare il pericolo di bloccaggio dello sterzo.

Passo 7

Arrivati a destinazione, fermate le due auto (motore spento, marcia inserita, freno a mano tirato) e rimuovete la barra rigida. Svitate gli occhioni di traino, riponeteli al loro posto e coprite i fori filettati con i relativi sportellini.

Informazioni e consigli utili.

A motore spento non si può godere dell’ausilio del servosterzo e servofreno, per cui per frenare bisogna esercitare sul pedale del freno una forte pressione, ed anche lo sterzo risulta duro.

se l’impianto elettrico non ha subito danni, risulta possibile segnalare le frenate (gli stop si illuminano).

Il peso dell’auto trainata non deve superare il peso rimorchiabile dell’auto trainante.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.