Infissi in pvc: caratteristiche, prezzi, pro e contro ed opinioni

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Guida informativa e pratica sugli infissi in PVC completa di caratteristiche, vantaggi e svantaggi di tale tipologia di serramenti. Vedremo poi i prezzi, come montarli e le operazioni necessarie alla loro manutenzione.

Caratteristiche tecniche degli infissi in PVC.

Per meglio comprendere le caratteristiche degli infissi in PVC, partiamo da qualche considerazione sulle proprietà del materiale.

Il PVC, cloruro di polivinile, è un materiale plastico molto versatile tra i più utilizzati nella costruzione di infissi. Sotto forma di polvere bianca, si ottiene dalla combinazione di cloro ed etilene attraverso un processo di polimerizzazione che unisce le diverse molecole. Si distingue in due grandi tipologie: flessibile e rigido.

Il PVC flessibile, miscelato con materiali gommosi, viene impiegato per realizzare guarnizioni, rivestimenti di cavi elettrici, ecc.

Il PVC rigido, caratterizzato da una grande resistenza superficiale, viene utilizzato in svariati settori, ma essenzialmente per la produzione di profilati per infissi e serramenti in genere. Per lo scopo, viene miscelato con stabilizzanti a base di stagno o zinco che lo rendono resistente agli agenti atmosferici.

Proprietà del materiale.

Densità pari a 1,40 g per cmq
Resistenza al fuoco buona, grazie alla presenza del cloruro
Conducibilità termica bassa, pari 0,15 W/mk
Resistenza meccanica alta, è un materiale duro


Date le proprietà del materiale, gli infissi in PVC presentano:

Pro e contro degli infissi in PVC.

I profilati in PVC sono dunque largamente utilizzati per la realizzazione di serramenti in quanto presentano numerosi vantaggi ed incontrano i pareri favorevoli di molti.

Gli infissi in PVC possono essere montati su qualsiasi tipo di finestra e si accordano con ogni tipo di stile: classico, moderno, rustico. Basta scegliere il colore più adatto alla propria abitazione, al proprio arredamento. Ad esempio, il PVC trattato in modo da sembrare legno (PVC effetto legno) è quasi indistinguibile dal vero legno. Naturalmente nonostante la loro grande adattabilità hanno anche degli svantaggi. Esaminiamoli nel dettaglio.

Vantaggi:

Svantaggi:

Il consiglio. Scegliere infissi dalle tonalità più chiare o addirittura bianchi, soprattutto se si vive in zone molto soleggiate, così la tendenza di questo materiale a scolorire nel tempo non si noterà troppo facilmente.

Tipologie: bicolori, blindati e a taglio termico.

Gli infissi in pvc vengono realizzati con profilati di vari colori ottenuti con l’aggiunta di coloranti durante la stabilizzazione del polimero. Abbiamo infissi in varie sfumature dal bianco al marrone ma quelli che riscuotono maggior successo sono quelli realizzati con diversi materiali: PVC e legno, pvc ed alluminio, ecc.

Infissi bicolori.

Anche se leggermente più costosi di quelli monocolore (del 10% circa), di grande interesse estetico e funzionale sono gli infissi in PVC bicolori, in genere bianco all’interno e effetto legno all’esterno o viceversa.
Essi si integrano perfettamente sia all’arredo interno che all’ambiente esterno, e permettono, quindi, di rispettare eventuali vincoli condominiali o paesagistici senza condizionare l’estetica degli ambienti che li ospitano.

Infissi blindati.

Gli infissi blindati in PVC hanno vetri antieffrazione e telaio antiscasso.
Sono dotati di cardini che hanno una particolare forma che non permette di sollevare l’infisso e di una piastrina in acciaio sotto la maniglia che non permette la trapanazione.

Gli infissi in PVC opportunamente rinforzati, riescono a competere con i tradizionali infissi blindati in legno e acciaio e rappresentano il giusto equilibrio tra l’esigenza di difendere da qualsiasi forma di effrazione e tentativi di scasso e la necessità di soddisfare esigenze di estetica.

Infissi a taglio termico.

L’ obiettivo degli infissi in PVC a taglio termico è quello di assicurare un adeguato isolamento termico, nel rispetto dei valori di trasmittanza termica fissati dalle direttive comunitarie.

Rispetto agli infissi tradizionali, quelli a taglio termico, prevedono al loro interno materiali isolanti di qualità e vetri termici di ultima generazione, in modo da creare una barriera alla scambio di calore tra interno ed esterno. Per raggiungere l’obiettivo i profilati sono dotati di camere d’aria e schiume a bassa trasmittanza termica. Fine ultimo degli infissi in PVC a taglio termico è quello del risparmio energetico, che come abbiamo accennato è imposto normativamente.

Infissi in PVC e legno.

L’intera struttura dell’infisso è in PVC, interamente rivestita di legno naturale sul lato che da all’interno dell’ambiente. La soluzione PVC- legno assicura agli infissi il calore del legno e le caratteristiche tecniche del PVC. Il sistema permette di usufruire all’esterno dell’ottima resistenza del PVC alle intemperie e agli agenti atmosferici in genere e all’interno dell’accoglienza e capacità d’arredo del legno. Uno speciale processo di incollaggio rende il rivestimento in legno perfettamente solidale alla struttura in PVC. Il risultato è un manufatto capace di durare nel tempo, assicurare un buon risparmio energetico nel rispetto dell’ambiente.

Infissi in PVC o alluminio? Le opinioni.

Premesso che entrambi hanno raggiunto un alto grado di perfezione ed indiscussa affidabilità e che hanno più o meno gli stessi valori di trasmittanza termica, a favore dell’infisso in PVC gioca forse il prezzo, mentre a favore degli infissi in alluminio gioca la leggerezza, la indeformabilità, la possibilità di ospitare vetri anche a tripla camera e non ultima la possibilità di godere di una gamma di finiture più ampia.
Anche se non sarà facile trovare due aziende del settore che la pensano nello stesso modo, un pò per convinzione e un pò perchè ognuno vuole vendere quello che ha, gli infissi in alluminio sembrano avere una marcia in più, senza considerare quelli alluminio-legno di nuova generazione a taglio termico con i quali sembrano completamente risolti anche i problemi di condensa.

Consigli per gli acquisti: quanto costano questi infissi e dove comprarli.

Gli infissi in PVC costano circa 170€ al mq e si comprano presso ditte specializzate in serramenti e finestre.
Il prezzo comprensivo di posa in opera si attesta intorno a 250 euro a mq per gli infissi monocolore, mentre per quelli bicolore il prezzo aumenta dell’ordine del 10%.
A tali prezzi bisogna aggiungere l’IVA del 4 o 10% a seconda che trattasi di nuove costruzioni o ristrutturazioni con DIA.

Per avere un’idea, bisogna preventivare una spesa di 3.500 euro + IVA per 5 elementi: 3 finestre e 2 porte balconi, tutti a doppia anta, di misura standard, rispettivamente 120x140cm per le finestre e 120x240 per le porte balconi.
L’esemplificazione si riferisce ad infissi monocolore.

Montaggio degli infissi.

Il montaggio degli infissi in PVC non è diverso rispetto agli altri materiali ed è consigliabile lasciarlo fare a ditte specializzate. Questi vengono installati da operai specializzati ad un prezzo variabile in base al numero e alla grandezza delle finestre (circa 100-120€ per ogni singolo elemento: finestre o balconi), anche se, come abbiamo detto, in genere il prezzo concordato è comprensivo di posa in opera. La posa in opera, compresa nel prezzo o pattuita a parte, di norma comprende il montaggio del nuovo infisso e lo smontaggio e smaltimento del vecchio infisso (in caso di ristrutturazione).

Manutenzione e pulizia.

La manutenzione è pressoché inesistente, mentre per la pulizia ordinaria è sufficiente lavarli saltuariamente con del detergente neutro per vetri ed un panno morbido.

Per una manutenzione accurata e periodica si rimanda all’articolo sulla manutenzione dei serramenti

Gli infissi in PVC sono tossici?

Nonostante spesso siano stati messi sotto accusa, unitamente agli altri manufatti in PVC, perchè in caso di incendio svilupperebbero acido cloridrico, potenziale responsabile delle morti per asfissia, i moderni infissi in PVC non comportano alcun rischio per la salute delle persone, ne creano alcun tipo di impatto ambientale.
Inoltre, mentre in passato la stabilizzazione del PVC avveniva con derivati di piombo e di cadmio, ritenuti tossici, oggi, tali materiali non sono più utilizzati.
In Germania ed Inghilterra la percentuale degli infissi in PVC va oltre il 50%
Tra l’altro, basta considerare che il moderno PVC viene utilizzato per le condotte di acqua potabile, per le bottiglie che contengono acqua minerale, per articoli di cancelleria, per le sacche che contengono sangue, nel settore calzaturificio, per le cannule per le trasfusioni e la lista potrebbe continuare.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.