Forbici telescopiche per potatura

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Le forbici telescopiche per potatura, dalle tipologie alla caratteristiche tecniche, vantaggi e svantaggi rispetto alle altre tipologie di forbici e per cosa si usano, dove comprarle e quanto costano, consigli per un utilizzo, manutenzione e conservazione corretta.

Caratteristiche tecniche delle forbici telescopiche per potatura.

Sono forbici con il manico telescopico di varie lunghezze: le misure proposte più comune ed apprezzate sono di 130 e 180 cm da chiuse che diventano rispettivamente 200 e 300cm da estese. In pratica, il manico è costituito da un’asta lunga, ulteriormente allungabile. Le forbici telescopiche per potatura altro non sono che normali forbici manuali, elettriche o pneumatiche per potatura collocate all’estremità di aste telescopiche, ossia allungabili, in modo da raggiungere con le lame rami situati fino a 3 - 4 metri dal suolo, senza l’ausilio di scale. Alcune modelli di forbici telescopiche sono orientabili, nel senso che presentano il lungo manico girevole, la qualcosa consente di raggiungere e recidere anche i rami più nascosti. Altre presentano l’impugnatura, cosiddetto antifatica, orientabile entro un angolo di 180°, che consente di porsi agevolmente nella posizione migliore per tranciare il ramo a distanza.

A cosa servono e come si usano.

Servono a potare da terra fino a 3 - 4 metri di altezza. Si impugnano con entrambe le mani, tenendo le braccia alzate, costringendo quindi l’operatore ad assumere una posizione scomoda e stancante. Non risultano indicate per interventi di potatura intensivi.

Vantaggi e svantaggi delle forbici telescopiche.

La forbice telescopica presenta l’indubbio vantaggio di consentire di intervenire su rami posti fino a 3 -4 metri dal suolo senza l’ausilio delle scale o carri semoventi, come indubbio è lo svantaggio di richiedere all’operatore di tenere per molto tempo una posizione poco comoda, stancante e poco confortevole (bisogna operare tenendo la testa e le braccia alzate). Le forbici telescopiche, pertanto, si prestano poco per lavori intensivi che si protraggono per intere giornate lavorative. Sono indicate per potature limitate a pochi alberi, amatoriali. Presentano il vantaggio di far venir meno i rischi di incidenti connessi all’utilizzo delle scale.

Quanto costano, dove si comprano, come sceglierle.

Per esigenze amatoriali, per intenderci per potare i pochi alberi del proprio orto o giardino, sono sufficienti un paio di forbici telescopiche manuali, che consentono di operare fino a circa 3 metri di altezza dal suolo, senza l’ausilio di scale, per l’acquisto delle quali bisogna preventivare una spesa di 150 -200 euro. Per un utilizzo professionale bisogna pensare a forbici telescopiche che non sfruttano la forza dell’uomo ma la corrente o l’aria compressa, optando rispettivamente per forbici elettriche o pneumatiche, per cui bisogna aggiungere rispettivamente il costo del pacco batterie o del motocompressore carrellato. In quest’ultimo caso, per il kit completo bisogna preventivare una spesa che oscilla tra i 1200 – 3000 euro in funzione del numero e qualità delle forbici, della capacità del compressore, della notorietà della marca, del periodo di acquisto, della possibilità di acquistare durante campagne dimostrative, fiere, ecc, periodo durante i quali si può approfittare di prezzi di lancio, veramente bassi. Mentre per le forbici telescopiche elettriche, il prezzo del kit completo, influenzato dal costo delle batterie e del relativo zainetto, gilet o cinturone, si attesta tra 1000 e 1550 euro circa.

Manutenzione delle forbici telescopiche per potatura.

Gli attrezzi in genere, ma in particolare le forbici telescopiche per la potatura, devono essere oggetto di particolare cura e manutenzione. Dopo ogni utilizzo e prima di riporle in un luogo asciutto e privo di polvere, vanno rimossi dalle lame eventuali residui di vegetazione, pulite ed asciugate. Quando si ritiene di non doverle utilizzare per un certo periodo di tempo vanno oleate, unitamente agli innesti e meccanismi di estensione delle aste telescopiche, per evitare che possano essere attaccate dalla ruggine. Periodicamente è opportuno riprendere il filo delle lame senza aspettare che iniziano a produrre lacerazioni e sfrangiature durante i tagli, compromettendone la veloce cicatrizzazione. La corretta affilatura, oltre ad assicurare la buona efficienza delle forbici, rende l’attrezzo più sicuro e confortevole durante l’utilizzo.

Consigli utili.

Come attrezzo manuale, dal punto di vista strettamente operativo, al momento dell’acquisto vanno impugnate per verificarne la manovrabilità, orientando la scelta verso un modello che per peso e conformazione risulta compatibile con la struttura fisica dell’operatore. Sotto l’aspetto economico occorre cercare il prodotto che offre un buon rapporto prezzo/qualità, cercando un prodotto facile da usare, con caratteristiche tecniche adeguate alle proprie esigenze, evitando attrezzi con funzioni particolari e sofisticate, che mentre contribuiscono a far salire il prezzo, non verranno mai sfruttate. Per potare poche piante, a livello amatoriale, sono sufficienti le forbici telescopiche manuali, mentre per chi opera in maniera professionale (cura degli oliveti, frutteti, viti, ecc), bisogna optare per forbici telescopiche elettriche o pneumatiche.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.