Come costruire un acquario

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Guida informativa e pratica su come costruire un acquario con la tecnica del fai da te, dalla scelta del materiale e dei pochi attrezzi necessari alla costruzione della dima per assemblare i vari elementi, alla descrizione passo passo delle operazioni da porre in essere.

Benché possa sembrare un’operazione complessa, costruire un acquario da soli si rivela molto più semplice del previsto, una volta che si sono seguite con cura le operazioni di preparazione e si sono scelti i giusti materiali e attrezzi.

Iter operativo per costruire un acquario.

Materiali e attrezzature necessarie:

Faremo riferimento a delle misure adatte alla costruzione di un acquario di medie dimensioni: avremo bisogno di 5 lastre di vetro che andranno a formare il fondo ed i 4 lati della vasca acquario.

In particolare:

Accertatevi che tutti i materiali con i quali costruirete l’acquario non siano nocivi per i suoi futuri abitanti, siano impermeabili e soprattutto che le lastre utilizzate possano resistere alla pressione dell’acqua con la quale riempiremo la vasca.

Compreremo la base di appoggio ed il coperchio del nostro acquario già pronti, di una misura che sia compatibile con la vasca che andremo a costruire, presso un negozio specializzato.

Operazioni preliminari:

É importante che le zone che andremo a fissare tra loro siano pulite, altrimenti rischiamo di ritrovarci macchie esteticamente poco piacevoli o peggio, qualche corpo estraneo all’interno del silicone, che ne potrebbero condizionare la perfetta tenuta.

L’assemblaggio.

Passo 1

Coprite con della carta di giornale la forma di compensato, di modo che le lastre non si graffino a contatto con il legno.

Passo 2

Prendete la prima delle due lastre laterali e fissatela contro la parete verticale della forma, applicate del silicone sul bordo inferiore e poi avvicinatevi la lastra che farà da fondo.

Passo 3

Esercitate una leggera pressione ed accertatevi che le due lastre siano perpendicolari e combacino perfettamente, poi applicate un’altra leggera striscia di silicone lungo tutto l’angolo di contatto tra le due lastre. Fate attenzione che, sia il silicone tra le lastre che quello di giunzione, siano privi di bolle d’aria.

Passo 4

Se risulta evidente o sospettate che si sia formata qualche bolla, smontate le lastre e ripetete l’assemblaggio, dopo aver rimosso il silicone appena messo. Operando con cura  in questa fase, potremo evitare facili spaccature o eventuali perdite d’acqua.

Passo 5

Se tutto è in ordine, lasciate passare 24 ore, di modo che il silicone sia reticolato come si deve, poi procedete a fissare le 3 lastre rimanenti, seguendo lo stesso procedimento descritto in precedenza.

Passo 6

Lasciate la vasca assemblata in un luogo poco umido per circa una settimana, di modo che tutti i solventi utilizzati nel processo di montaggio siano evaporati.

Consiglio: Vi suggerisco di fissare le lastre tra loro con della carta gommata, per tenerle in posizione, mentre il silicone fa presa.

Rifiniture e controlli.

Terminata la fase di assemblaggio, restano ancora alcune cose da fare:

Per prima cosa, rimuovete tutta la carta gommata dalle lastre. Se il silicone impedisce la rimozione, aiutatevi con il taglierino, prestando attenzione a non graffiare le lastre sottostanti.

Sempre con il taglierino, rimuovete eventuali eccessi di silicone, sia all’esterno che all’interno delle giunture, assicurandovi di non intaccare la solidità della struttura.

A questo punto, spostate la vasca per terra e riempitela lentamente d’acqua, in questo modo testerete la solidità delle giunture e verificherete eventuali perdite.

Conclusioni: come personalizzare la vasca?

Una volta ultimata la vasca, potrete spostarla sulla sua base, nel luogo che ritenete opportuno, allocandovi all’interno decorazioni, scenari ed accessori per venire incontro alle vostre fantasiose idee ed alle esigenze dei vostri futuri ospiti.

Per dare un tocco di stile alla vostra vasca potreste utilizzare del silicone nero e poi coprire i quattro angoli della vasca con del nastro adesivo dello stesso colore.

Se invece volete evitare incidenti poggiando il coperchio sulla vasca, potrete ricoprire il bordo superiore delle lastre con delle strisce di materiale gommoso che favorisca un contatto delicato tra il coperchio e le lastre.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.