Rimozione e sostituzione piastrelle

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Rimozione e posa in opera delle solo piastrelle danneggiate, dagli attrezzi e materiale necessario alle accortezze per evitare di danneggiare le piastrelle circostanti (adiacenti), alla posa in opera delle nuove piastrelle.

Primo o poi capita a tutti di trovarsi con alcune mattonelle del bagno o della cucina rotte o scheggiate, ma non è ancora il momento per rinnovare l’intero rivestimento.

 

Ipotizziamo di sostituire, con la tecnica del fai da te, le sole mattonelle danneggiate, un lavoro di poco conto, per il quale non è sempre facile ed economicamente conveniente reperire un artigiano.

Della complessiva operazione, la fase che offre maggiori difficoltà è la rimozione della mattonella compromessa, senza danneggiare quelle immediatamente adiacenti. Non c’è dubbio che si incontrano maggiori difficoltà a rimuovere una singola mattonella, senza creare ulteriori danni, che l’intero rivestimento.

Di cosa abbiamo bisogno:

Attrezzi: uno scalpellino con una lama sottile; un martello da carpentiere e un mazzuolo di gomma; un trapano avvitatore con punte per muro; la cazzuola; una spatola dentata per stendere l’adesivo, di dimensioni compatibile con la superficie della mattonella; una spugna;

Materiale: mattonelle nuove e adesivo (malta cementizia, colla per mattonelle o eccezionalmente una confezione di silicone).

Con eccezione delle mattonelle e dell’adesivo, si tratta dei comuni attrezzi presenti in ogni casetta dei fai da te.

 

Rimozione piastrella danneggiata.

La prima cosa da fare è isolare la piastrella da rimuovere dall’intero rivestimento.

Per lo scopo, il mercato offre accessori sofisticati, piccole frese, che collocate al trapano avvitatore, fatto girare a bassissima velocità, agevolano la rimozione dello stucco riempifuga, lungo i quattro lati della piastrella.

 

In pratica, durante la rimozione dello stucco riempifuga, bisogna fare in modo da non scheggiare le mattonelle circostanti, nonché, come già detto,  bisogna isolare completamente la mattonella da rimuovere, in modo che il “colpo” non si propaga al rivestimento circostante.

 

Ripetete l’operazione per eventuali altre piastrelle danneggiate, prima di passare alla posa delle nuove.

Posa della nuova piastrella.

Consigli e informazioni utili:

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.