Propaggine

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Segue una guida informativa e pratica sulla tecnica di riproduzione per propaggine, tecnica di moltiplicazione agamica.

In cosa consiste la propaggine?

La tecnica di riproduzione per propaggine consiste nel curvare un ramo lungo e flessibile interrandolo per un piccolo tratto, nel punto di maggiore curvatura, per poi separarlo dalla pianta madre una volta che ha radicato, circostanza quest’ultima che si evince dalla presenza di nuova vegetazione in corrispondenza del tratto di ramo interrato.

Per quali specie è indicata?

E una pratica di propagazione indicata per quelle piante, tipo il rododendro, il gelsomino, il caprifoglio, il glicine, il lillà, l'elica, il kerria, la clematide, caratterizzate da rami lunghi e flessibili presenti fin dalle parti più basse della pianta.

Qual'è il periodo migliore per praticarla?

Il periodo migliore per l’operazione varia da pianta a pianta: per il rododendro, che abbiamo richiamato a scopo esemplificativo, la primavera rappresenta il momento giusto. In linea di massima risulta più o meno buono il periodo che copre l’intera stagione vegetativa, da marzo a settembre, in funzione della specie, con eccezione del periodo particolarmente caldo della stagione estiva.

In particolare:

La propaggine è una tecnica di riproduzione poco praticata perché impegnativa e faticosa. Si ricorre a questa tecnica, che richiama la moltiplicazione per talea da cui il nome di “talea assistita”, solo per riprodurre piante rare, non riproducibile per seme o per tecniche più pratiche, come la margotta e la talea.

Su quali rami viene eseguita?

La tecnica di propaggine viene eseguita sui rami dell’anno, il cui getto viene stimolato da incisivi interventi di potatura. Se si prevede di sfruttare una pianta in maniera intensiva diventa necessario un preventivo intervento di vangatura e concimazione (con stallatico maturo in ragione di 2-3Kg per mq) dell’ area ai piedi della pianta.

Come procedere:

La tecnica descritta rappresenta la cosiddetta “propaggine semplice”, caratterizzata dal fatto che il ramo entra ed esce dal terreno una sola volta, dando vita ad una sola pianta. Ma se il ramo è sufficientemente lungo e flessibile può essere interrato più volte, dando vita alla cosiddetta “propaggine multipla”. Al ramo verrà impresso un andamento serpentiforme, lasciando tra due interri successivi un pezzo di ramo che ospita almeno 2-3 nodi (punto di unione al ramo di coppie di foglie opposte). In questo modo il numero delle nuove piantine sarà pari al numero degli interri, da cui il nome di propaggine multipla.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.