Lampadine

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

La lampadina, quella tradizionale “ad incandescenza”, usata quale fonte di illuminazione, è stata inventata da Edison circa un secolo fa, durante il periodo della seconda rivoluzione industriale, quasi contestualmente all’invenzione dell’energia elettrica. Com’è a tutti evidente si e trattato di un’invenzione di grandissima portata che ha cambiato di molto le abitudine di vita.

Elementi delle lampadine: tensione e potenza. 

Elementi peculiari delle lampadine sono la tensione che si misura in Volt (V) e la potenza misurata in Watt (W), parametro quest’ultimo che, considerato singolarmente, non indica la luminosità.

Come sono fatte?

Le lampadine si presentano sotto svariate forme quali a sfera (le più comuni), a goccia, a tortiglione, a peretta, ecc. L’attacco delle stesse può essere a vite o a baionetta, di svariati materiali: ottone, alluminio, acciaio, ecc.

Possono essere ad attacco grande ed ad attacco piccolo, rispettivamente indicale con la sigla E27 ed E14, dove E sta ad indicare l’inventore delle lampadine, ossia Edison, mentre il numero posto subito dopo la E indica il diametro dell’attacco in mm.

La lampadina tradizionale perché è detta a incandescenza?

La lampadine tradizionale, inventata da Edison, è detta ad incandescenza in quanto l’illuminazione si ottiene portando un filamento metallico di tungsteno all’ incandescenza, ad una temperatura molto alta, filamento di tungsteno collocato - sotto vuoto in assenza di ossigeno - in un’ ampolla, generalmente di vetro.

Le lampadine ad incandescenza, nonostante la concorrenza di altre tecnologie, pensate alla lampade alogene, ai neon, rappresentano a tutt’oggi la fonte principale di illuminazione, anche se da più parti si dice che la lampadina ad incandescenza sia poco efficiente in quanto gran parte dell’energia viene trasformata in calore anziché in luce.

Se è vero che sul mercato si affacciano sistemi molto più efficienti essi sono ancora molto costosi. Stiamo parlando delle lampade fatte da LED, fotodiodi, che hanno trovato applicazione essenzialmente nel campo automobilistico.

Lampadine cosiddette a basso consumo.

Da un po’ di tempo molto fanno discutere le lampadine compatte fluorescenti, volgarmente dette a basso consumo energetico, il cui costo – un tempo elevatissimo- diminuisce giorno dopo giorno.

Ma a parte il costo iniziale, sicuramente molto più alto di quelle ad incandescenza, gli opinionisti sono divisi circa la bontà dei due tipi di lampadine.

I sostenitori delle lampadine a basso consumo energetico dicono che:

Per un appartamento medio/grande con 15/20 punti luce farebbero registrare un risparmio annuo di circa 100 euro.

I sostenitori delle lampadine tradizionali ad incandescenza fanno notare che gli sprechi energetici vanno ricercati in altre direzioni:

Dal punto di vista strettamente tecnico, per le lampadine a basso consumo al momento dell’accensione ci sarebbe un elevato assorbimento di corrente, per cui le stesse mal si prestano ad essere usate nei luoghi ove la frequenza con cui viene usato l’interruttore è elevata (scale, garage, ecc).

Per completezza vanno ricordati i cosiddetti polimeri organici, il cui impiego potrebbe diventare di rilievo in un prossimo futuro. Questa tecnica si basa su materiali plastici, molto economici, di grande lavorabilità, che si prestano ad essere ridotti in pannelli, fogli, idonei a fornire una luce diffusa. Si potrebbero tappezzare intere parete, soffitti, interni di mobili, ecc.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.