Preparare il Terreno per un Orto: Guida Pratica e Completa

Ultimo aggiornamento:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Introduzione: Benvenuti in questa guida completa sulla preparazione del terreno per l'orto. Creare un orto rigoglioso e produttivo richiede una buona base e la scelta del terreno giusto. In questo articolo, esploreremo tutti gli aspetti importanti per lavorare e migliorare il terreno, dalle tecniche di pulizia alla fertilizzazione, dalla prevenzione delle malattie alla scelta delle colture adatte. Seguendo i nostri consigli, potrete creare un orto sano e produttivo che soddisfi le vostre esigenze.

Scelta del terreno ideale

La scelta del terreno ideale è fondamentale per garantire il successo del vostro orto. Esistono diversi fattori da prendere in considerazione nella selezione del terreno, tra cui:

Fattori climatici e geografici

I fattori climatici e geografici influenzano significativamente la crescita delle piante nell'orto. Ecco alcuni aspetti da considerare nella scelta del terreno:

Valutando attentamente questi fattori climatici e geografici, potrete individuare l'area ideale per il vostro orto e assicurarvi una crescita sana e rigogliosa delle piante.

Tipo di terreno e pH

Il tipo di terreno e il pH sono fattori cruciali per la crescita e la produttività del vostro orto. Ecco alcuni aspetti da considerare:

Per valutare il tipo di terreno e il pH, potete eseguire dei test casalinghi o rivolgervi a laboratori specializzati. In base ai risultati, potrete apportare eventuali correzioni al terreno, come l'aggiunta di materiale organico, sabbia o argilla per migliorarne la struttura, o l'impiego di correttivi del pH, come la calce o il solfato di alluminio.

Tenendo in considerazione il tipo di terreno e il pH, potrete creare un ambiente ideale per la crescita delle piante nel vostro orto e assicurarvi un raccolto abbondante e di qualità.

Pulizia e lavorazione del terreno

Prima di iniziare a coltivare il vostro orto, è fondamentale preparare adeguatamente il terreno attraverso la pulizia e la lavorazione. Ecco i passaggi chiave per un'efficace preparazione:

Seguendo questi passaggi, il vostro terreno sarà adeguatamente preparato per ospitare un orto rigoglioso e produttivo.

Rimozione delle erbacce e detriti

La rimozione di erbacce e detriti è un passo cruciale nella preparazione del terreno per l'orto. Ecco alcuni consigli pratici per eliminare efficacemente erbacce e detriti:

La rimozione delle erbacce e detriti è essenziale per garantire un ambiente sano e privo di ostacoli per la crescita delle piante nel vostro orto.

Aratura e vangatura

L'aratura e la vangatura sono due pratiche fondamentali per la preparazione del terreno prima di piantare l'orto. Ecco alcuni motivi per cui sono importanti e come eseguirle correttamente:

Aratura: L'aratura consiste nel sollevare e capovolgere strati di terreno con un aratro. È particolarmente utile per terreni compatti e argillosi. L'aratura può essere eseguita con un trattore per aree più ampie o con un aratro manuale per aree più piccole.

Vangatura: La vangatura è una pratica simile all'aratura, ma viene eseguita con una vanga o una forca. Questo metodo è adatto per aree più piccole o per terreni già smossi. La vangatura permette di lavorare il terreno a una profondità maggiore rispetto all'aratura e di incorporare meglio il materiale organico nel suolo.

Ricordatevi di non lavorare il terreno quando è troppo umido, poiché questo può causare compattazione e formazione di grumi difficili da rompere. L'ideale è attendere che il suolo sia asciutto e facilmente lavorabile. Arare e vangare correttamente il terreno garantirà un ambiente favorevole alla crescita delle piante del vostro orto.

Miglioramento del terreno

Per ottenere un orto di successo, è essenziale migliorare il terreno in modo che possa fornire tutti i nutrienti necessari alle piante. Ecco alcuni metodi efficaci per migliorare la qualità del terreno:

Migliorando il terreno e seguendo queste pratiche, si favorisce un ambiente sano e nutriente per le piante del vostro orto, garantendo raccolti abbondanti e di qualità.

Fertilizzazione organica e chimica

La fertilizzazione è fondamentale per garantire un terreno ricco di nutrienti e favorire la crescita delle piante. Ecco le differenze tra fertilizzazione organica e chimica:

Fertilizzazione organica:

Fertilizzazione chimica:

Consigli utili:

Optando per una fertilizzazione adeguata, si garantisce un'ottima nutrizione delle piante e si promuove un ambiente sano e produttivo nel proprio orto.

Bilanciamento del pH

Il pH del terreno è un fattore cruciale per la salute delle piante. Ecco come bilanciare il pH del terreno nel tuo orto:

  1. Misura il pH: Utilizza un kit di misurazione del pH o un misuratore digitale per determinare il livello di acidità o alcalinità del terreno.
  2. Interpretazione dei valori: La scala del pH va da 0 a 14, dove 7 è neutro, valori inferiori indicano acidità e valori superiori alcalinità. La maggior parte delle piante cresce meglio in terreni con pH tra 6 e 7,5.
  3. Aumentare l'acidità: Se il terreno è troppo alcalino (pH superiore a 7,5), aggiungi materiale organico come torba di sfagno, foglie marcescenti o compost acido per abbassare il pH.
  4. Ridurre l'acidità: Se il terreno è troppo acido (pH inferiore a 6), applica calce dolomitica o carbonato di calcio per aumentare il pH. Segui le dosi raccomandate e distribuisci uniformemente sul terreno.
  5. Monitoraggio e aggiustamento: Controlla il pH del terreno periodicamente e apporta modifiche secondo necessità. Ricorda che il cambiamento del pH richiede tempo, quindi è importante essere pazienti e monitorare costantemente.
  6. Scegliere piante adatte: Alcune piante, come le ericacee, preferiscono terreni acidi, mentre altre, come le barbabietole, tollerano meglio i terreni alcalini. Seleziona piante che si adattino al pH del tuo terreno per garantire la loro crescita ottimale.

Seguendo questi passaggi, si può bilanciare efficacemente il pH del terreno, favorendo la crescita di piante sane e rigogliose nel proprio orto.

Aumento della porosità e drenaggio

Migliorare la porosità e il drenaggio del terreno è fondamentale per prevenire problemi come ristagno d'acqua e radici marce. Ecco come farlo:

  1. Aggiungi compost: Incorpora compost ben decomposto nel terreno per aumentare la materia organica e migliorare la struttura del suolo, favorendo il drenaggio e la porosità.
  2. Utilizza sabbia: Mescola sabbia grossolana nel terreno argilloso per migliorare la porosità e facilitare il drenaggio dell'acqua.
  3. Crea letti rialzati: I letti rialzati consentono un migliore drenaggio rispetto al terreno pianeggiante, proteggendo le radici dalle pozzanghere persistenti.
  4. Installa drenaggi: In caso di problemi di drenaggio gravi, considera l'installazione di tubi di drenaggio o sistemi di drenaggio sotto il terreno per allontanare l'acqua in eccesso.
  5. Pratica la rotazione delle colture: Cambia la posizione delle piante ogni anno per prevenire l'accumulo di patogeni nel terreno e mantenere una struttura del suolo sana.
  6. Aerazione: Usa un aeratore o un forcone per creare fori nel terreno e facilitare il flusso d'aria e d'acqua, migliorando il drenaggio.
  7. Pacciamatura: Applica uno strato di pacciamatura organica, come corteccia o paglia, per proteggere il suolo dall'erosione, mantenere l'umidità e promuovere la formazione di aggregati di suolo.

Migliorando la porosità e il drenaggio del terreno, si favorisce la crescita di piante forti e sane, riducendo il rischio di malattie e problemi legati all'umidità.

Preparazione del terreno per le diverse colture

Preparare adeguatamente il terreno per diverse colture è essenziale per ottenere raccolti sani e abbondanti. Ecco alcuni suggerimenti per preparare il terreno in base alle esigenze specifiche delle piante:

  1. Verdure a foglia: Queste piante richiedono un terreno ricco di azoto e materia organica. Aggiungi compost e fertilizzante ricco di azoto per favorire la crescita delle foglie.
  2. Ortaggi da radice: Per ortaggi come carote e barbabietole, assicurati che il terreno sia ben drenato e privo di sassi o detriti. Prepara il terreno con compost e sabbia per migliorare la struttura.
  3. Legumi: Fagioli e piselli beneficiano di terreni leggeri e ben drenati. Aggiungi compost e sabbia per migliorare il drenaggio e incorpora un inoculante di rizobio per favorire la fissazione dell'azoto.
  4. Solane: Pomodori, peperoni e melanzane richiedono terreni ricchi di fosforo e potassio. Aggiungi compost e un fertilizzante a base di fosforo e potassio per promuovere la fioritura e la fruttificazione.
  5. Cucurbitacee: Zucche, cetrioli e meloni preferiscono terreni ricchi di materia organica e ben drenati. Prepara il terreno con compost e un fertilizzante ad alto contenuto di potassio per incoraggiare la crescita.
  6. Frutti di bosco: Mirtilli, lamponi e ribes necessitano di terreni acidi e ben drenati. Modifica il pH del terreno con torba di sfagno o zolfo e aggiungi pacciamatura organica per mantenere l'acidità.
  7. Alberi da frutto: Questi alberi richiedono terreni profondi, ben drenati e ricchi di materia organica. Prepara il terreno con compost e un fertilizzante bilanciato per favorire la crescita delle radici e la produzione di frutti.

Adattando la preparazione del terreno alle esigenze specifiche di ogni coltura, si ottengono piante più sane e produttive, garantendo il successo del tuo orto o frutteto.

Ortaggi a foglia

Gli ortaggi a foglia sono nutrienti e versatili, adatti a molti piatti. Per coltivare al meglio questi ortaggi, segui questi passaggi:

  1. Scegli le varietà giuste: Lattuga, spinaci, cavolo riccio e bietole sono esempi di ortaggi a foglia. Scegli varietà adatte al tuo clima e alle tue preferenze culinarie.
  2. Prepara il terreno: Gli ortaggi a foglia richiedono un terreno fertile e ben drenato, ricco di azoto e materia organica. Incorpora compost e fertilizzante ricco di azoto per stimolare la crescita delle foglie.
  3. Semina: Segui le indicazioni sulla confezione dei semi per la semina. Alcuni ortaggi a foglia possono essere seminati direttamente nel terreno, mentre altri potrebbero richiedere la semina in vasetti prima della trapiantatura.
  4. Irrigazione: Mantieni il terreno umido ma non inzuppato. Gli ortaggi a foglia richiedono un'irrigazione costante per evitare che le foglie diventino amare o dure.
  5. Sole e ombra: Questi ortaggi crescono bene con almeno 4-6 ore di sole al giorno. In climi più caldi, fornisci ombra durante le ore più calde per evitare stress da calore.
  6. Rotazione delle colture: Per prevenire malattie e parassiti, non coltivare ortaggi a foglia nello stesso punto per almeno due anni consecutivi.
  7. Raccolta: Raccogli le foglie quando sono giovani e tenere, prima che diventino coriacee. La raccolta regolare incoraggia la produzione di nuove foglie.

Seguendo questi passaggi, otterrai ortaggi a foglia sani e gustosi, pronti per essere utilizzati nelle tue ricette preferite.

Ortaggi a frutto

Gli ortaggi a frutto, come pomodori, peperoni, melanzane e zucchine, sono deliziosi e nutrienti. Per ottenere una buona coltivazione, segui queste raccomandazioni:

  1. Seleziona le varietà: Scegli varietà adatte al tuo clima e alle dimensioni del tuo giardino. Considera anche il tempo di maturazione e la resistenza a malattie e parassiti.
  2. Preparazione del terreno: Assicurati che il terreno sia fertile, ben drenato e ricco di materia organica. Aggiungi compost e fertilizzante equilibrato per garantire una buona crescita e produzione di frutti.
  3. Piantare: Segui le indicazioni sulla confezione dei semi o delle piantine per la corretta distanza e profondità di piantagione. Alcuni ortaggi a frutto possono richiedere tutori o supporti per sostenere la pianta durante la crescita.
  4. Irrigazione: Mantieni il terreno umido ma non inzuppato. L'irrigazione costante è fondamentale per una produzione uniforme di frutti e per prevenire problemi come la spaccatura o la caduta dei fiori.
  5. Sole: Gli ortaggi a frutto necessitano di almeno 6-8 ore di sole al giorno per produrre frutti di qualità. Assicurati che ricevano abbastanza luce solare.
  6. Controllo di parassiti e malattie: Monitora le piante regolarmente e controlla la presenza di segni di malattie o parassiti. Intervieni tempestivamente con trattamenti biologici o chimici, se necessario.
  7. Rotazione delle colture: Evita di coltivare ortaggi a frutto nella stessa area per almeno tre anni per ridurre il rischio di malattie e parassiti.
  8. Raccolta: Raccogli i frutti quando raggiungono la maturazione e la dimensione desiderata. La raccolta regolare incoraggia la pianta a produrre nuovi frutti.

Seguendo questi consigli, potrai coltivare ortaggi a frutto saporiti e nutrienti, ideali per arricchire le tue ricette in cucina.

Ortaggi a radice

Gli ortaggi a radice, come carote, rape, barbabietole e patate, crescono sotto terra e sono ricchi di nutrienti. Ecco alcuni consigli per coltivare ortaggi a radice con successo:

  1. Scegli le varietà giuste: Opta per varietà adatte al tuo clima e alle condizioni del terreno. Considera il tempo di maturazione e le dimensioni delle radici per una raccolta ottimale.
  2. Preparazione del terreno: Lavora il terreno in profondità per eliminare sassi e compattamento. Un terreno ben drenato e soffice è ideale per la crescita delle radici.
  3. Materia organica: Aggiungi compost o letame ben decomposto al terreno per aumentare la fertilità e migliorare la struttura.
  4. Semina: Segui le indicazioni sulla confezione dei semi per determinare la giusta distanza e profondità di semina. Spargi i semi in modo uniforme e coprili delicatamente con terra.
  5. Irrigazione: Mantieni il terreno costantemente umido, ma non inzuppato. Un'irrigazione regolare favorisce una crescita uniforme delle radici e previene problemi come la spaccatura.
  6. Sole: Gli ortaggi a radice necessitano di almeno 6 ore di sole al giorno per una crescita vigorosa e radici ben sviluppate.
  7. Controllo di parassiti e malattie: Controlla regolarmente le piante e agisci tempestivamente in caso di malattie o infestazioni di parassiti. Utilizza trattamenti biologici o chimici se necessario.
  8. Raccolta: Raccogli le radici quando raggiungono la dimensione desiderata. La raccolta precoce può portare a ortaggi più teneri e saporiti.
  9. Rotazione delle colture: Evita di coltivare ortaggi a radice nella stessa zona per almeno tre anni per ridurre il rischio di malattie e parassiti.

Seguendo questi suggerimenti, potrai coltivare ortaggi a radice sani e deliziosi, perfetti per arricchire le tue ricette e fornire un apporto nutrizionale importante.

Prevenzione delle malattie e dei parassiti del terreno

La prevenzione delle malattie e dei parassiti del terreno è fondamentale per garantire colture sane e produttive. Ecco alcuni consigli pratici per proteggere le tue piante:

  1. Rotazione delle colture: Alternare le colture annualmente riduce il rischio di malattie specifiche e parassiti che colpiscono una particolare specie vegetale.
  2. Mantenere il terreno pulito: Rimuovere detriti vegetali, foglie morte e rami può contribuire a ridurre l'habitat di parassiti e malattie.
  3. Controllare l'irrigazione: Un'irrigazione adeguata e il drenaggio del terreno evitano l'accumulo di acqua stagnante, che può favorire la diffusione di malattie.
  4. Utilizzare resistenza genetica: Coltivare varietà resistenti a malattie e parassiti può ridurre la necessità di interventi chimici e biologici.
  5. Barriere fisiche: Proteggi le piante con reti anti-insetto, coperture fluttuanti o altri metodi di barriera per impedire l'accesso ai parassiti.
  6. Controlli biologici: Introdurre predatori naturali, come coccinelle o lombrichi, può aiutare a mantenere sotto controllo le popolazioni di parassiti.
  7. Monitoraggio: Ispeziona regolarmente le piante per individuare segni di malattie o infestazioni e intervenire tempestivamente se necessario.
  8. Trattamenti preventivi: Applica trattamenti preventivi, come funghicidi o insetticidi, in base alle esigenze specifiche delle colture e alle condizioni ambientali.
  9. Buone pratiche agricole: Mantieni uno spazio adeguato tra le piante e pianta in un terreno ben preparato per garantire una crescita sana e robusta.
  10. Quarantena: Isola le piante infestate o malate per evitare la diffusione di malattie e parassiti alle piante sane.

Adottando queste misure preventive, sarà possibile minimizzare i rischi di malattie e parassiti nel terreno e garantire colture più sane e produttive.

Rotazione delle colture

La rotazione delle colture è una pratica fondamentale per la prevenzione delle malattie e dei parassiti del terreno. Ecco alcuni dei principali vantaggi e consigli per implementare questa strategia:

  1. Riduzione delle malattie: La rotazione impedisce l'accumulo di patogeni specifici di una coltura nel terreno, riducendo così la probabilità di malattie.
  2. Controllo dei parassiti: Alternare le colture rompe il ciclo vitale dei parassiti, evitando che si moltiplichino e infestino le piante.
  3. Miglioramento della fertilità del suolo: Diverse colture hanno diverse esigenze nutritive e contribuiscono alla diversità biologica del terreno, migliorandone la fertilità.
  4. Prevenzione dell'erosione: La rotazione delle colture riduce l'erosione del suolo, poiché le diverse piante hanno sistemi di radici che trattengono il terreno in modi diversi.
  5. Pianificazione: Per pianificare una rotazione efficace, prendi in considerazione la famiglia botanica, le esigenze nutritive e i requisiti di crescita delle diverse colture.
  6. Cicli di rotazione: Stabilisci cicli di rotazione di almeno 3-4 anni per massimizzare i benefici e ridurre il rischio di malattie e parassiti.
  7. Includi leguminose: Le leguminose, come fagioli e piselli, sono un'ottima aggiunta alla rotazione delle colture, poiché fissano l'azoto nel suolo, migliorando la sua fertilità.
  8. Tieni un registro: Documenta le colture piantate in ogni area per facilitare la pianificazione della rotazione negli anni successivi.
  9. Adattare alle condizioni locali: Personalizza il piano di rotazione delle colture in base alle condizioni climatiche, al tipo di suolo e alle pratiche agricole locali.
  10. Sperimentare: Prova diverse combinazioni di colture e cicli di rotazione per determinare la migliore strategia per le tue specifiche condizioni e esigenze.

Seguendo questi passaggi, sarai in grado di implementare una rotazione delle colture efficace, proteggendo le tue piante da malattie e parassiti e garantendo un terreno fertile e produttivo.

Controllo biologico dei parassiti

Il controllo biologico dei parassiti è un metodo ecologico per proteggere le colture e mantenere un equilibrio naturale. Di seguito sono elencati alcuni passaggi chiave per implementare il controllo biologico:

  1. Predatori utili: Introduci predatori naturali, come insetti benefici, uccelli e ragni, che si nutrono di parassiti dannosi per le colture.
  2. Piante compagne: Pianta specie vegetali che respingono o attirano i parassiti lontano dalle colture principali, proteggendole in modo naturale.
  3. Barriere fisiche: Utilizza reti, coperture e trappole per impedire ai parassiti di raggiungere e danneggiare le piante.
  4. Microrganismi benefici: Introduci microrganismi utili, come batteri e funghi, che possono combattere i parassiti o migliorare la salute delle piante.
  5. Monitoraggio: Osserva regolarmente le piante per identificare la presenza di parassiti e agire tempestivamente.
  6. Pratiche culturali: Adotta buone pratiche agricole, come la pulizia del terreno e la rimozione delle piante infestate, per ridurre la presenza di parassiti.
  7. Uso moderato di pesticidi: Utilizza pesticidi biologici o a basso impatto solo quando necessario, per evitare di danneggiare gli organismi utili.
  8. Identificazione dei parassiti: Impara a riconoscere i parassiti comuni e i loro nemici naturali per agire in modo mirato ed efficace.
  9. Formazione: Educa te stesso e i lavoratori agricoli sulle tecniche di controllo biologico e sulla gestione integrata dei parassiti.
  10. Adattamento: Adatta le strategie di controllo biologico alle specifiche esigenze delle colture e alle condizioni locali.

Seguire questi passaggi ti aiuterà a implementare un controllo biologico efficace dei parassiti, proteggendo le colture e mantenendo un ambiente agricolo sano e sostenibile.

Conclusioni e consigli utili

Avere un giardino produttivo e sostenibile è un obiettivo raggiungibile con una pianificazione accurata e l'adozione di pratiche agricole efficaci. Ecco alcuni consigli utili da tenere a mente:

  1. Pianificazione: Valuta le condizioni climatiche, le caratteristiche del terreno e le esigenze delle piante prima di iniziare a coltivare.
  2. Irrigazione: Adotta sistemi di irrigazione efficienti e adatti alle tue colture per risparmiare acqua e garantire una crescita ottimale.
  3. Fertilizzazione: Utilizza fertilizzanti organici e compost per nutrire le piante e migliorare la struttura del terreno.
  4. Manutenzione: Esegui regolarmente lavori di potatura, diserbo e pulizia per mantenere il tuo giardino in buone condizioni.
  5. Diversità: Coltiva una varietà di piante, tra cui ortaggi a foglia, ortaggi a frutto e ortaggi a radice, per un giardino equilibrato e produttivo.
  6. Prevenzione: Adotta misure preventive come la rotazione delle colture e il controllo biologico dei parassiti per proteggere le piante da malattie e infestazioni.
  7. Monitoraggio: Controlla costantemente le colture per identificare eventuali problemi e intervenire tempestivamente.
  8. Formazione: Informa te stesso sulle migliori pratiche agricole e sulle tecniche di giardinaggio sostenibile per migliorare continuamente le tue competenze.
  9. Comunità: Collabora con altri giardinieri e agricoltori per scambiare conoscenze, esperienze e risorse.
  10. Sostenibilità: Adotta un approccio ecologico nella gestione del tuo giardino, promuovendo la biodiversità e riducendo l'impatto ambientale.

Seguendo questi consigli, potrai creare un giardino rigoglioso e sostenibile che soddisfi le tue esigenze e rispetti l'ambiente circostante. Buon giardinaggio!

Domande frequenti

  1. Qual è il momento migliore per iniziare a coltivare un giardino? Il momento ideale dipende dal clima locale e dalle piante che si desidera coltivare. In generale, la primavera è un buon periodo per iniziare a piantare.
  2. Quanta acqua dovrei usare per irrigare il mio giardino? La quantità di acqua dipende dalle esigenze delle piante e dalle condizioni climatiche. Monitora il terreno e le piante per regolare l'irrigazione in base alle necessità.
  3. Come posso migliorare la qualità del terreno nel mio giardino? Utilizza compost, fertilizzanti organici e tecniche di lavorazione del terreno come la vangatura e l'aerazione per migliorare la struttura e la fertilità del suolo.
  4. Quali sono i vantaggi della rotazione delle colture? La rotazione delle colture previene l'accumulo di malattie e parassiti, mantiene la fertilità del terreno e promuove la biodiversità nel giardino.
  5. Come posso proteggere le mie piante dai parassiti in modo naturale? Il controllo biologico, come l'utilizzo di insetti utili, l'impiego di barriere fisiche e l'applicazione di estratti vegetali, può aiutare a proteggere le piante dai parassiti senza l'uso di pesticidi chimici.
  6. Quanto spesso dovrei potare le mie piante? La frequenza di potatura dipende dalla specie e dalle condizioni di crescita. In generale, potare le piante durante la loro stagione di dormienza e rimuovere rami danneggiati o malati all'occorrenza.
  7. Posso coltivare piante in vaso se non ho un giardino? Sì, molte piante possono essere coltivate con successo in vaso. Assicurati di utilizzare contenitori adeguati e un terreno di qualità per garantire la crescita delle piante.
  8. Come posso evitare il sovraffollamento delle piante nel mio giardino? Pianifica attentamente la disposizione delle piante, rispettando le distanze raccomandate tra le diverse specie. Inoltre, potare regolarmente le piante per evitare che si sovrappongano.
  9. Quali sono le migliori pratiche per un giardinaggio sostenibile? Le pratiche sostenibili includono l'utilizzo di risorse locali, la promozione della biodiversità, il riciclo dei rifiuti organici, l'adozione di metodi di irrigazione efficienti e la riduzione dell'uso di sostanze chimiche.
  10. Dove posso trovare ulteriori informazioni sul giardinaggio e le tecniche di coltivazione? Rivolgiti a centri di giardinaggio locali, associazioni di giardinaggio e siti web specializzati per informazioni e consigli specifici sulle piante e le tecniche di coltivazione.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.