Posa in opera del parquet

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Come si posa il parquet?

Prima di passare all’iter operativo vero e proprio è necessario sapere anzitutto che il parquet può essere installato con tre tecniche diverse:

Circa, poi, le geometrie di posa del parquet, ossia il disegno che viene realizzato accostando in modo diverso i vari elementi (listelli, listoni), esse sono numerose, ma tra le più comuni ricordiamo:

Posa in opera del parquet galleggiante (flottante).

Per la posa flottante vengono utilizzati generalmente listoni predefiniti che possono avere vario spessore, da 1cm a 2,2cm, varia larghezza, da 6 a 14 cm, e altrettanto varia lunghezza da 40 cm fino 2 metri.

I listoni prefiniti sono listelli di legno costituiti da uno strato superficiale di legno pregiato già verniciato e uno strato sottostante di legno di qualità più scadente che presentano da una parte una linguetta - tenone e dall’altra una scanalatura.

Approfondisci le caratteristiche del parquet flottante.

Attrezzi e materiale: metro; martello di gomma; squadra da muratore; materassino isolante; troncatrice; seghetto alternativo.

Iter operativo:

Posa in opera inchiodata (chiodatura).

Gli elementi, generalmente di legno massello, vengono inchiodati su una pedana in legno opportunamente approntata. I listelli che non potranno essere inchiodati, perché in corrispondenza di impianti, possono essere incollati.

Attrezzi e materiale: martello o chiodatrice, metro, segaccio, travi di legno (40-60mm), pannelli di truciolato, listelli, chiodi.

Iter operativo:

I tasselli saranno di 8 mm di diametro con testa fresata che si incassa nel legno in modo da non interferire con i listoni che verranno posizionati.

  • Posate la prima fila di listelli inchiodando ogni elemento con almeno due chiodi posti obliquamente sull’ incastro maschio dove questo si interseca con la trave in modo da risultare invisibili, servendovi di un martello o di una chiodatrice. Lasciate uno spazio di circa un centimetro per il battiscopa lungo tutto il perimetro della stanza.

La lunghezza dei chiodi dovrà essere adeguata allo spessore dei listelli di legno.



  • Completate la stanza come sopra lasciando tra le varie file alcuni millimetri per consentire al legno le eventuali dilatazioni. Fissate lo zoccolino.

Posa incollata del parquet (incollaggio).

Per la posa incollata del parquet il fondo deve essere perfettamente asciutto e non deve presentare tracce di umidità che finirebbero per danneggiare il legno (sollevare i listelli). Se il solaio è stato appena realizzato è opportuno aspettare almeno due mesi prima di attaccare il parquet.

Attrezzi e materiale: segaccio; rotella metrica; metro; mazzuola di gomma; cazzuola; spatola con i denti; secchio muratore; squadra da muratore; corda; livella a bolla d’aria; listelli; colla.

Iter operativo:

  • Pulite il sottofondo e rendetelo perfettamente livellato. Se vi sono difetti di planarità occorre livellare perfettamente il sottofondo prima di posare il parquet. Stendete, servendovi prima della cazzuola e poi di una spatola dentata, la colla per una superficie di circa 70-80 cmq. La quantità di colla da stendere deve essere ben dosata, perchè la presenza di colla eccessiva può creare delle imperfezioni.

  • Iniziate la posa della prima fila di listelli battendoli con una mazzuola di gomma per farli aderire. Quindi completate la stanza e montate il battiscopa.


Sebbene esistano colle utilizzabili per applicare il parquet a qualsiasi fondo, è consigliabile scegliere prodotti specifici a secondo delle caratteristiche del fondo.

La colla utilizzata per fissare il parquet al massetto o al vecchio pavimento, deve presentare una certa elasticità per assorbire le variazione che il legno subisce a seguito dei salti temici, soprattutto se l’impianto di riscaldamento corre sotto il pavimento, nonché presentare una buona resistenza all’acqua.

Un buon adesivo monocomponente o a due componenti poliuretanico, indicato per le varie tipologie di parquet, prefinito, tradizionale e parquet laminato, deve presentare un adeguato potere fonoassorbente e consentire la calpestabilità entro le 24 ore dalla posa in opera.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.