Segaccio

Il termine segaccio è piuttosto inflazionato, viene infatti utilizzato con riguardo alla sega formata da una lama trapezoidale senza struttura, che termina con un’impugnatura a pistola.

Tra le varie tipologie, indicate per tagli che non richiedono una particolare precisione, ricordiamo: il segaccio per legno, ossia il segaccio per falegnami; il segaccio serramanico a lama curva per potatura; il segaccio per uso hobbistico, destinato ai Fai da te, per arrivare al grosso segaccio ad arco che i boscaioli usano in alternativa dell’accetta.

Il segaccio dei boscaioli prevede una lama inserita in una robusta struttura tubolare a forma trapezoidale o ad arco. La lama presenta grossi denti, dotati di una significativa stradatura che consentono alla lama di scorrere facilmente anche in tronchi di alberi appena abbattuti, il cui legname presenta ancora un alto grado di umidità.

In questo caso ci troviamo di fronte ad un attrezzo di grosse dimensioni da utilizzare e trasportare con cautela. Le varie tipologie di segaccio, indipendentemente dalla grandezza e forma della lama, hanno in comune il tipo di stradatura che deve assicurare alla lama la possibilità di scorrere liberamente in qualsiasi tipo di legno.

Informazioni Sugli Autori: Questo articolo è stato realizzato dalla Redazione (Informazioni sulla redazione)

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Potremmo fornire i dati ad istituti di analisi e ai social media. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie (Clicca Quì).
MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTACI