Compressore

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

Guida informativa sul compressore, da come funziona alle diverse tipologie, dai settori d’impiego a come sceglierlo, dove comprarlo e quanto spendere.

Informazioni sul compressore.

Il compressore è una macchina che basa il suo funzionamento sulla compressione dell’aria o di un gas, sfruttando l’energia meccanica. Ne esistono diversi tipologie ma il più comune è il compressore ad aria compressa che tra origine dal mantice. Quest’ultimo è formato da una sacca in pelle, con i contorni pieghettati in modo da facilitarne la compressione, sistemata tra due piastre incernierate, di cui una munita di un foro dal quale entra o esce l’aria, a secondo della posizione accostata o divaricata delle piastre. Il principio su cui si basa il mantice viene tutt’ora sfruttato per alimentare il fuoco della forgia, la fiamma del focolare domestico, per alcuni componenti di strumenti musicali, quali l’organo, la fisarmonica,ecc.

Vantaggi: il compressore presenta l’indubbio vantaggio di aver reso confortevole una miriade di lavori, da quelli domestici a quelli meccanici a quelli edili e stradali.

Tipologie di compressori.

In base alla destinazione, i compressori si possono distinguere in due grosse macrocategorie, quelli destinata ad usi industriali e quelli destinati agli usi domestici e agli appassionati di bricolage e fai date. Altra distinzione è quella tra compressori fissi e portatili. In base all’alimentazione, troviamo i compressori alimentati elettricamente e quelli alimentati con motore a scoppio. La quasi totalità dei compressori sono alimentati elettricamente, solo una minoranza fa capo al motore a scoppio, in particolare quelli collegati ad attrezzature agricole.

Ma la più importante distinzione è quella tra compressori volumetrici e compressori dinamici. Alla prima categoria appartengono i compressori rotativi, alternativi, ad anello, a palette. Alla seconda categoria quelli assiali ed i centrifughi. Nei compressori volumetrici il volume d’aria che aspirano è il risultato di precisi movimenti meccanici, mentre in quelli dinamici il fluido viene compresso a seguito della rotazione di una ruota munita di pale. Segue un breve cenno sulle varie tipologie:

Compressore volumetrico alternativo.

Caratterizzato da un cilindro in cui scorre con moto alternato un pistone che aspira e comprime il gas.

Compressore volumetrico rotativo.

All’interno di un contenitore, compressione e variazione di volume del gas avviane grazie ad elementi in rotazione;

Compressore volumetrico ad anello liquido.

Il rotore all’interno di una cassa mette in movimento un liquido, per natura non comprimibile, cui viene affidata la funzione di tenuta del gas. In pratica, all’acqua o ad un liquido equivalente vene attribuita la funzione del pistone;

Compressore volumetrico a palette.

In una cassa cilindrica è montato un rotore che gira in maniera eccentrica. Radialmente al rotore scorrono delle palette che imprigionano, comprimono ed espellano l’aria.

Compressore volumetrico a vite.

Due viti di diametro e passo diverso avvitando l’una sull’altra danno vita ad una cavità che avanzando dalla zona di aspirazione a quella di mandata diminuisce di volume, comprimendo il gas.

Compressore dinamico assiale.

Il liquido scorre parallelamente all’asse di rotazione.

Compressore dinamico centrifugo.

Grazie ad un disco rotante munito di palette, il gas entra in direzione assiale ed esce in direzione radiale.

Come funziona e come è fatto il compressore volumetrico alternativo.

Come abbiamo visto, il mercato offre varie tipologie di compressori, ma nel mondo dei fai da te e del bricolage quello maggiormente diffuso è il compressore volumetrico alternativo, alimentato elettricamente. Risulta formato da un cilindro al cui interno corre un pistone mosso da un motore elettrico circolare, per il tramite di una biella. Il cilindro presenta due fori, che si aprono e chiudono alternativamente, il primo aspira l’aria, mentre attraverso il secondo l’aria fuoriesce ad una pressione superiore a quella atmosferica. Il serbatoio presenta un rubinetto, al quale è collegato un tubo resistente e flessibile alla cui estremità vengono applicati i vari terminali in funzione del lavoro da eseguire (pistola a spruzzo, pistola per gonfiare, per avvitare e svitare bulloni, per spruzzare vapore, ecc.). Un regolatore di pressione manuale consente di regolare la quantità d’aria che scorre nel tubo. Sono in genere muniti di ruote e di una maniglia che ne facilitano gli spostamenti. Per ovvi motivi, i compressori sono dotati di una valvola di sicurezza che interviene in caso di necessità, per scongiurare pericoli in caso di cattivo funzionamento della macchina.

A cosa serve il compressore.

Viene usato per azionare martelli pneumatici, pistole a spruzzo, macchinari particolari per comprimere il manto stradale appena realizzato. Al compressore può essere collegata una pistola che consente di spruzzare acqua e vapore per le pulizie domestiche e dell’auto, una pistola per avvitare e svitare in maniera semplice e veloce i bulloni (vedi la pistola del gommista), una pistola a spruzzo per verniciare, una pistola per gonfiare le ruote. Può essere applicato ad attrezzi elettrici, come l’avvitatore, la spillatrice, ecc.

Quanto costa, come sceglierlo e dove si compra.

Si passa da un prezzo di circa 100 euro + IVA per un compressore da 25 litri per arrivare ad una cifra prossima ai 600 euro per un compressore di 200 litri, mentre ci vogliono circa 400 euro per un compressore da 100litri. La scelta dipende da quanto si usa, per quali lavori e dal budget a disposizione. In qualche misura ad orientare la scelta è anche l’ingombro della macchina, che deve essere compatibile con gli spazi a disposizione. Per la scelta, oltre alla capacità in litri, da cui dipende l’autonomia del compressore, bisogna considerare la pressione in uscita, che non necessariamente cresce con l’aumento della capacità. Capacità e pressione in uscita devono essere compatibili con i lavori per i quali il compressore viene normalmente utilizzato. Si acquista presso attrezzati negozi di ferramenta, centri commerciali del tipo Castorama e Leroy Merlin, negozi e centri per il fai da te, online su portali specializzati.

Consigli utili.

Compatibilmente con la destinazione, il compressore per un uso continuativo va collocato in un ambiente asciutto e privo di polvere.

Informazioni Sugli Autori:

Articolo realizzato dalla redazione
Informazioni sulla redazione

MAGAZINE CHI SIAMO CONTATTI
Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire funzioni social e analizzare il traffico. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando un qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie e dichiari di aver letto la nostra Cookie Policy e la Privacy Policy. Per saperne di pi├╣ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy.