Vernici per pavimenti esterni ed interni: tipi, prezzi ed opinioni.

Quali caratteristiche dovrebbero avere le vernici per pavimenti? Come ottenere un buon risultato e fare in modo che la verniciatura duri sia per i pavimenti interni che per gli esterni? Analizziamo nel dettaglio le caratteristiche, le tecniche di applicazione, ed i prezzi delle diverse vernici per pavimenti.

Vernici per pavimenti esterni ed interni: tipi, prezzi ed opinioni

Che cosa sono le vernici per pavimenti?

Le vernici per pavimenti sono vernici che utilizzano come legante resine sintetiche e frequentemente resine epossidiche che sono caratterizzate da resistenza ai graffi, impermeabilità, calpestabilità, facilità di manutenzione e posa in opera.

Resine epossidiche.

Sono polimeri (prodotti chimici di peso molecolare elevato costituiti da catene di uno stesso elemento che si ripete n volte) formati da catene di un elemento che contiene nella sua formula chimica il gruppo epossidico. Dove il gruppo epossidico è un composto ciclico e con più precisione un etere ciclico la cui formula di struttura riportata di seguito.

Le vernici per pavimenti sono commercializzate sia liquide che solide, ma dovendo essere trasferite al supporto (che è il pavimento) con pennello o rullo, se solide vanno diluite con acqua e meno frequentemente con solventi organici.

La reticolazione delle vernici per pavimenti solitamente avviene per l’azione di un catalizzatore e pertanto esse sono bicomponenti. Ovviamente il catalizzatore va aggiunto solo al momento dell’utilizzo. Dopo l’aggiunta del catalizzatore rimane un tempo limitato (circa una ora/ora e mezza) per portare a termine la verniciatura dopo di che la vernice inizia ad indurire.

Esistono vernici per ogni sorta di pavimento: in calcestruzzo grezzo, piastrellato, in marmo, in gres, in legno, etc. Ed ancora per pavimenti ubicati in interno e pavimenti in esterno. Possono vivacemente colorate ma anche trasparenti per mostrare ad esempio la piastrellatura sottostante. Possono avere finitura superficiale liscia o anche satinata.

Caratteristiche.

Come tutte le tipologie di vernici, anche quelle per pavimenti sono corredate da una scheda tecnica che raccoglie le caratteristiche salienti per aiutare l’utente nella scelta del prodotto più adatto alle sue esigenze.

Le principali caratteristiche delle vernici per pavimento sono:

  • elevata resistenza agli aggressivi chimici (oli, grasso, acidi e basi deboli, salinità).
  • Elevata resistenza all’acqua ed agli agenti atmosferici (segnatamente per le tipologie dedicate alle pavimentazioni in esterno).
  • Elevata resistenza meccanica e tenace adesione al supporto. Resistono a graffi, abrasioni ed urti ed alcune tipologie (specifiche per pavimentare garage in calcestruzzo resistono oltre che al calpestio anche al transito di auto).
  • Scarsissima manutenzione.
  • Sono di facile e veloce pulizia soprattutto se paragonata alle operazioni da fare nel caso di calcestruzzo grezzo.
  • Possono avere finiture estetiche pregevoli. In origine le vernici per pavimenti venivano utilizzate per rifinire pavimenti di ambienti di lavoro come fabbriche o centri commerciali o comunque luoghi molto frequentati come scuole palestre etc. Attualmente, grazie ai progressi tecnologici, che consentono di ottenere finiture impeccabili e colorazioni vivide sono state riscoperte dagli architetti e vengono utilizzate anche come arredo di appartamenti e permettono di ripristinare in tempi con cifre contenute piastrellature e parquet rovinati.

Tipologie di vernici per interni ed esterni.

La classificazione avviene in funzione della resina che costituisce il legante. Pertanto avremo:

  • Vernici per pavimenti epossidiche. Sono le più comuni e sono bicomponenti. Sono solitamente disciolte in acqua ed hanno ottima resistenza meccanica ed agli agenti chimici ed atmosferici sono utilizzate per pavimenti in calcestruzzo in esterno. Si applicano con rulli o pennelli e richiedono almeno due mani ed una asciugatura tra una mano e la successiva di almeno 24 ore.

Puoi approfondire le tecniche di verniciatura epossidica.

  • Vernici per pavimenti acriliche. Contengono resine acriliche (si ottengono per polimerizzazioni di monomeri con formula bruta CH2=(CH)COOH) ed altri polimeri disciolte in acqua vengono utilizzate per verniciare pavimentazioni stradali, balconi, terrazzi per la loro ottima resistenza agli agenti atmosferici (in particolare acqua ed umidità) e la velocità con cui seccano. Vengono trasferite con rulli o pennelli ma più spesso a spruzzo. Richiedono contrariamente alle resine epossidiche una sola mano.
  • Vernici per pavimento poliuretaniche. Contengono resine poliuretaniche (ampia classe di polimeri caratterizzati dal legame uretanico NH-(CO)-O-). Sono raramente monocomponente e frequentemente bicomponenti. Sono molto resistenti alle intemperie ed hanno discreta resistenza meccanica sono usate per pavimentazioni in calcestruzzo in esterno ma anche per verniciare piastrelle, pavimenti di legno e di metallo, quindi adatte anche per interni. Spesso sono usate come primer per finiture epossidiche. Richiedono tempi di asciugamento molto lunghi.

Opinioni: pregi e difetti dei diversi tipi di vernici per pavimenti.

Analizziamo ora quelli che comunemente vengono considerati i punti di forza e quelli di debolezza delle diverse tipologie di vernici per pavimenti.

Vernice epossidica per pavimenti esterni ed interni.
Pregi
  • Meccanicamente molto resistente aderisce con tenacia al pavimento e non teme urti, calpestio, abrasioni e graffi.
  • Resiste all’azione di molti prodotti chimici: acidi, basi, salsedine, oli e carburanti, grasso.
  • E’ un ottimo impermeabilizzante e quindi ben si presta ai pavimenti esterni.
  • Può essere trasferita ai pavimenti di calcestruzzo anche quando il materiale non è completamente asciutto. Caratteristica che accorcia i tempi di lavorazione.
  • Non scolorisce/ingiallisce per ossidazione ed esposizione al sole.
  • E’ disciolta in acqua e quindi è ecologicamente compatibile ed atossica.
Difetti.
  • Non è economica.
  • E’ bicomponente e quindi una volta miscelata indurisce. Risulta difficile miscelarne la quantità che occorre e quindi se non si è pratici del trattamento può avere sfrido elevato.
  • Se si decide di cambiar colore ad un pavimento già verniciato si possono avere dei problemi.
Vernice acrilica.
Pregi.
  • Ottima resistenza agli agenti atmosferici.
  • Si applica rapidamente: basta una sola mano.
  • Essicca rapidamente.
Difetti.
  • Alcuni colori delle vernici acriliche come i rosso/violacei sbiadiscono con la luce del sole
Vernice per pavimenti poliuretanica.
Pregi.
  • Economica.
  • Resiste bene agli agenti atmosferici.
  • Ottima resistenza ad urti graffi, abrasioni e calpestio.
  • Resiste bene agli aggressivi chimici.
Difetti.
  • E’ bicomponente.
  • Secca molto lentamente in 2 o più giorni.

Costi delle vernici per pavimento.

La vernice epossidica ad acqua per esterno/interno costa mediamente dai 25 ai 30 € al litro. La resa va di 6 ai 10 m2/litro.

La vernice acrilica per pavimenti costa circa 20 € al litro. La resa va dai 10 ai 12 m2/litro.

La vernice poliuretanica per pavimenti costa dai 15 ai 18 € litro. La resa va dai 12 ai 14 m2/litro.

Come si applicano le vernici per pavimento.

Diluite con acqua nella percentuale riportata dalle istruzione (in genere nell’ordine del 15–20%), possono essere applicate sia con il rullo che con il pennello.

Tra una mano e quella successiva devono passare da 12 a 24 ore.

Il pavimento diventa calpestabile dopo 48 ore e carrabile dopo almeno 4-5 giorni.

Le vernici devono essere applicate su un pavimento perfettamente asciutto, pulito, privo di grasso e di polvere. Se necessario, prima di applicare le vernici bisogna provvedere ad un accurato lavaggio del pavimento con detergenti fortemente sgrassanti.

Il pavimento, inoltre, deve presentare una naturale porosità. Un pavimento praticamente liscio non assicura una buona presa della vernice. Se quindi si dispone di un pavimento in calcestruzzo particolarmente liscio occorrerà effettuare un trattamento che ne incrementi la porosità. Solitamente si ricorre ad un lavaggio con una miscela con acqua ed acido muriatico e precisamente 2,5 litri di acido muriatico in 10 litri di acqua. Non applicare le vernici su pavimenti che presentano problemi di umidità e muffa.

Supervisore: Giuseppe Travaglione
Indice:

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Fai da te 360, non mostrare più questo box.