Sturalavandini: prodotti, utilizzo e prezzi.

Gli sturalavandini sono attrezzi manuali ecologici, economici e facili da usare per liberare scarichi lenti o completamente ostruiti. Vediamo quali sono i prodotti presenti sul mercato e come utilizzare i vari tipi.

Sturalavandini: prodotti, utilizzo e prezzi

Che cosa sono gli sturalavandini?

Gli sturalavandini sono utensili di svariate tipologie o prodotti chimici liquidi che servono a ripristinare tubi di scarico intasati o ostruiti.

Perché gli scarichi si ostruiscono?

Le cause di ostruzione degli scarichi sono molteplici. La più banale è l’accidentale caduta di un oggetto rigido di dimensioni prossime a quelle del diametro del tubo (tipica è la caduta del tappo del dentifricio nel lavandino). Oggetto che potrà bloccarsi durante il percorso, non sempre lineare, della tubatura. Questa condizione anche se nell’immediato non costituirà una situazione di blocco totale al deflusso dell’acqua lo diverrà nel tempo per l’accumulo sulla parziale ostruzione di detriti trasportati dall’acqua di scarico. Altra comune causa, se non la più frequente, è l’accumulo, nelle zone in cui cambia la direzione della tubatura, di un gel costituito da residui saponosi dei detersivi di lavatrici e lavastoviglie, grassi alimentari e deposito di calcare. Gel che col tempo indurisce impedendo il regolare transito dell’acqua scaricata.

Tipi di sturalavandini ed utilizzo.

Come già accennato gli sturalavandini possono essere degli attrezzi di varia natura o dei prodotti chimici liquidi corrosivi. Nel seguito riportiamo una lista delle varie tipologie corredata di caratteristiche ed istruzioni per l’uso.

Sturalavandino a ventosa.

E’ uno strumento semplicissimo costituito da una ventosa in gomma avente la forma di una calotta di sfera di consistenti dimensioni dotata di un manico in legno per manovrarla. E’ utile per rimuovere ostruzioni non particolarmente resistenti da tubi di sezione contenuta (scarichi di lavelli e lavandini).

Come si adopera.
  • Si unge la ventosa di vaselina per aumentare la sua adesione alla ceramica del lavandino.
  • Si riempie il tubo ostruito di acqua avendo cura di farla accumulare nel lavandino fino ad un livello che superi l’altezza della ventosa di gomma.
  • Si posiziona con cura la ventosa a cavallo del foro di scarico.
  • Si tura accuratamente con uno straccio bagnato il foro di troppo pieno del lavandino.
  • Si manovra, servendosi del bastone di legno, la ventosa comprimendo e risucchiando l’acqua nel tubo. Dopo una trentina di secondi di manovra si stacca la ventosa e si verifica se lo scarico è libero.
  • Si fa scorrere abbondante acqua.

Il meccanismo che rimuove l’ostruzione sono le onde di pressione e depressione innescate nella massa liquida contenuta nel tubo dal movimento della ventosa. In commercio è reperibile una versione dello sturalavandino a ventosa per rimuovere agli intasamenti del WC. Questo è simile al primo ma ha una ventosa di maggiori dimensioni che reca lateralmente una flangia necessaria ad adattarla al buco di scarico del water.

Sturalavandino ad aria compressa.

E’ formato da un serbatoio per l’aria compressa e da una pompa a stantuffo simile a quelle usate per gonfiare le gomme delle biciclette. Il serbatoio termina con un adattatore simile alla ventosa dell’utensile precedente che serve per fare aderire lo sturalavandino al foro dello scarico.

Nel centro l’adattatore reca un foro in comunicazione col serbatoio. Foro che si apre tramite un comando e che consente di rilasciare istantaneamente l’aria compressa contenuta nel serbatoio.

Come si adopera.
  • Si carica il serbatoio dell’aria compressa pompando con lo stantuffo.
  • Si riempie il tubo di scarico di acqua facendo attenzione che riempia il lavandino per una altezza tale da superare quello dell’adattatore posizionato sul foro di scarico.
  • Si posiziona lo strumento con l’adattatore che copre lo scarico.
  • Si tappa con un straccio bagnato il foro di sovrappieno del lavandino. Se sul tubo di scarico ostruito si innestano altri scarichi bisognerà tappare con accuratezza anche questi perché in caso contrario costituiranno delle vie di sfogo per l’aria compressa che sarà forzata nel tubo diminuendo così l’efficacia del trattamento.
  • Si aziona il pulsante di rilascio dell’aria compressa nel serbatoio.
  • Si verifica la rimozione dell’intasamento facendo scorrere abbondante acqua che rimuove i detriti del blocco.

Il meccanismo che sbriciola l’ostruzione è ovviamente l’onda d’urto indotta nella massa liquida dal rilascio istantaneo del volume d’aria compressa contenuto nel serbatoio dell’apparato. E’ consigliabile quando si effettua l’operazione di munirsi di guanti ed abiti da lavoro perché l’azione dell’aria compressa può provocare rigurgiti e schizzi di materiale maleodorante. Lo sturalavandini ad aria compressa è consigliato per ostruzioni particolarmente resistenti e per scarichi di diametro elevato come sono quelli dei WC. Esiste anche una versione meno potente degli sturalavandini ad aria compressa che non possiede serbatoio di accumulo e che pertanto insuffla nei tubi solo l’aria compressa da una escursione dello stantuffo.

Sturalavandini a molla.

Sono costituiti da una molla lunga (almeno 3 metri, ma ve ne sono di varie misure) che reca ad una estremità una manovella che consente di farla ruotare intorno al proprio asse ed alla punta una spirale che a mo’ di succhiello permette di forare l’ostacolo.

Puoi approfondire le caratteristiche della molla sturalavandini.

Come si usa.
  • Si inserisce, passando dal foro di scarico del lavello, la molla e la si fa avanzare finché non si blocca perché ha incontrato l’ostruzione.
  • Servendosi della manovella si fa ruotare la molla intorno al proprio asse. La punta sagomata a foggia di cavatappi per effetto della rotazione penetra nell’ostacolo e lo perfora.
  • Si spinge sulla molla fino a che la punta perforato l’ostacolo lo supera iniziando a scorrere nel tubo libero oltre il diaframma.
  • Si continua a ruotare la molla con la manovella e contemporaneamente le si imprime dei movimenti alternati (avanti ed indietro lungo l’asse). L’operazione va ripetuta con pazienza molte volte fino a completa demolizione del diaframma ostruttivo.
  • Si libera la tubazione dei detriti facendo scorrere abbondante acqua.

L’azione che libera il tubo è ovviamente di tipo meccanico e si svolge in due tempi. Inizialmente si fora e si passa l’ostacolo e successivamente lo si demolisce completamente con il su e giù della molla in torsione che lo attraversa. In commercio ne esistono versioni che possono essere ruotate agganciandole al mandrino di un trapano.

Prodotti chimici corrosivi (idraulico liquido).

Ne esistono svariati e comunque sia sono costituiti o da un acido (solitamente acido solforico H2SO4) o da una base (solitamente soda caustica ossia idrossido di sodio NaOH). Questi reagiscono col materiale dell’ostruzione (materiale organico e calcare) e lo dissolvono.

Vanno usati con estrema cautela in quanto sono corrosivi e quindi a contatto con la pelle possono procurare serie ustioni. Il maggior pericolo è il contatto con gli occhi e poiché quando sono in azione nelle tubature possono dar luogo a rigurgiti e schizzi è buona norma durante il loro maneggio proteggersi con lenti e guanti. Comunque sia è fondamentale attenersi alle istruzioni riportate sulle confezioni.

Come si usano.
  • Si lasciano seccare le tubature otturate per qualche ora. La maggior parte di tali prodotti a contatto con acqua da luogo a reazioni fortemente esotermiche che possono provocare schizzi di materiale corrosivo.
  • Si versa il contenuto della confezione nella scarico,
  • Lo si fa agire per un’intera notte o comunque per diverse ore senza utilizzare lo scarico.
  • Si fa scorrere abbondante acqua per sgorgare completamente il tubo.
Sono utili per eliminare intasamenti di tubature con diametro piccolo. Naturalmente poiché contengono prodotti chimici corrosivi sono fortemente inquinanti e se usati di frequente possono danneggiare le tubature metalliche.

Sturalavandini liquido ecologico fai da te.

E’ utile per ostruzioni poco resistenti e comunque di modesta entità o per effettuare una periodica pulizia degli scarichi al fine di prevenire ostruzioni.

Occorrente.

  • 1kg di sale grosso da cucina,
  • 500 grammi di bicarbonato di sodio,2 litri di aceto di vino bianco,
  • 5 litri di acqua portata all’ebollizione.
Come si usa.
  • Si lascia seccare la tubatura da sgorgare per qualche ora.
  • Si miscela sale e bicarbonato.
  • Si versa la miscela preparata nello scarico.
  • 4. Ad operazione conclusa si versano nel foro di scarico i 2 litri di aceto.
  • Si lascia reagire il composto per una quindicina di minuti.
  • Si versano nello scarico i 5 litri di acqua bollente.

Costi.

  • Il prezzo di uno sturalavandino a ventosa economico è mediamente di 2/3 euro.
  • Il prezzo di uno sturalavandino ad aria compressa economico è di circa 10 euro.
  • Il prezzo di uno sturalavandino a molla è mediamente di 4/5 euro.
  • Il prezzo di una confezione di idraulico liquido da un litro è di 4/5 euro.

Supervisore: Giuseppe Travaglione
Indice:

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Fai da te 360, non mostrare più questo box.