Sostituzione piatto doccia.

Sostituzione piatto doccia

Guida passo per passo su come sostituire il piatto doccia con la tecnica del fai da te, con l’indicazione dei materiali e attrezzi necessari.

Come procedere alla sostituzione del piatto doccia.

Il piatto doccia è scheggiato? Ha perso la brillantezza? Occorre sostituirlo! Il piatto doccia è, infatti, soggetto ad usura ed all’attacco di muffe o ruggine e capita di doverlo sostituire.

Vediamo come fare senza ricorrere all’intervento di un tecnico.

Attrezzi e materiale necessario: scalpello, martello, mazzuola, cazzuola, secchio muratore, giravite, piletta sifonata, raccordo, piatto doccia.

Iter operativo:

La prima operazione è quella di smontare il box doccia (pannelli, binari e montanti), o rimuovere la tradizionate tenda. In presenza del box doccia:

  • sollevate i pannelli e sganciateli dai binari;
  • con il taglierino incidete la fuga di silicone presente tra i montanti (profili) e le pareti e tra i binari ed il bordo superiore del piatto;
  • svitate le viti di fissaggio e rimuovere l’intera struttura portante.

Passo 1: separazione del piatto doccia dalla tubazione di scarico.

Rimosso il box doccia, per rimuovere il vecchio piatto (escludendo la possibilità di demolirlo perchè il materiale non lo consente o l’operazione non è opportuna) senza creare danni alla tubazione di scarico, bisogna separarlo da quest’ultima, cui lo stesso è collegato tramite la piletta sifonata. Per fare ciò a volte risulta sufficiente svitare la griglia di deflusso dell’acqua, se la piletta sifonata è stata fissata dall’alto, altre volte, se lo scarico è stato fissato dal basso (sotto la doccia) o la rimozione della griglia presenta difficoltà, diventa necessario creare una via d’accesso attraverso lo scalino su cui poggia il piatto doccia e svitare la ghiera di plastica che collega la piletta sifonata alla tubazione di scarico.

Passo 2: rimozione vecchio piatto.

Utilizzando la pinza a due punte a “L”, svitate la ghiera di scarico e, se presente,  con il taglierino tagliate la fuga di silicone alla base del piatto, quindi facendo leva con lo scalpello o un robusto giravite staccate il piatto doccia dagli appoggi.

Se necessario, create un varco attraverso lo scalino su cui poggia il piatto doccia, in modo da raggiungere il sifone o piletta sifonata, quindi separate quest’ultima dal tubo di scarico svitando manualmente la ghiera di plastica.

Una volta separato il piatto doccia dal tubo di scarico, facendo leva con uno scalpello staccatelo dagli appoggi.

Per facilitare l’accesso al sifone o piletta sifonata il piatto doccia di norma è montato in modo che lo scarico capiti nell’angolo esterno.


Passo 3: fissaggio della piletta sifonata al nuovo piatto.

Rimosso il vecchio piatto, fissate la piletta sifonata al piatto nuovo. Con una mano reggete la piletta sotto il piatto all’altezza dello scarico e con l’altra avvitate dall’alto la ghiera di scarico.

Per una guida passo passo su come montare la piletta sifonata potete consultare la pagina: Sostituzione sifone piatto doccia.

Passo 4: preparazione malta cementizia e posa del nuovo piatto.

Preparate mezzo secchio di malta cementizia e stendetela sui punti di appoggio (in genere quattro mattoni pieni), quindi poggiate il piatto sugli appoggi. Controllate con la livella a bolla d’aria che  risulti perfettamente in piano.

Passo 5: raccordo della piletta sifonata allo scarico.

Raccordate la piletta alla tubazione di scarico, avvitando la ghiera di plastica.

Passo 6: chiusura dell'eventuale varco creato nello scalino.

Chiudete, infine, il varco creato per l’accesso alla piletta sifonata e aspettate almeno 48 ore prima di montare il box doccia e riutilizzare la doccia, per dar modo al cemento di far presa.

Consigli utili.

  • Se il bordo superiore del piatto doccia è incastonato sotto le mattonelle del rivestimento, potrebbe diventare necessario rimuoverne una fila da risistemare di nuovo dopo la sostituzione del piatto. In mancanza di mattonelle uguali al rivestimento, un inserto di colore diverso, ma bene abbinato, crea un gioco simpatico. Basta rivestire anche l’eventuale scalino su cui poggia il piatto doccia con le stesse mattonelle.

  • E’ buona norma lasciare delle fughe di 2-3 mm tra le piastrelle ed il bordo superiore del piatto doccia, da siliconare con silicone antimuffa. Questa operazione crea dei giunti elastici in grado di ammortizzare il peso di un eventuale assestamento del rivestimento evitando che possa lesionarsi.
  • Se risulta difficile rimuovere il piatto e si decida di demolirlo con la mazzuola (se ovviamente il materiale lo consente), poggiate un robusto e ampio tappeto sulla doccia, per evitare che eventuali schegge possano diventare pericolose per l’incolumità dell’operatore ed eventuali collaboratori.

Supervisione: Giuseppe Travaglione

SU

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Fai da te 360, non mostrare più questo box.