Seghetto alternativo


Seghetto alternativo


Il seghetto alternativo è un elettroutensile molto diffuso grazie alla sua versatilità d’impiego,infatti, la velocità è regolata elettronicamente e consente di tagliare materiali di vario spessore quali legno, plastica, metalli, e di realizzare vari tipi di taglio: diritto, curvo, largo, stretto. Il risultato dipenderà dalla capacità dell’operatore, dalla potenza della macchina, dalla lama usata.

Come è formato un seghetto alternativo?

Il seghetto alternativo è una piccola sega a motore composto da un’impugnatura ergonomica,  un vano motore dotato di un meccanismo a biella che consente alla  lama di muoversi alternativamente avanti e indietro,  ed un piede di appoggio che si inclina a 45 gradi.

I seghetti più completi dispongono di un variatore elettronico di velocità che consente di variare la velocità dai 600 ai 2500 giri al minuto e quindi di adattarlo al materiale da tagliare. Quanto più è duro il materiale da tagliere tanto più la velocità deve essere ridotta.

In commercio esistono svariati tipi di lame a secondo del materiale da segare. Dalla dentatura delle lame dipende la qualità del lavoro, in considerazione del materiale da trattare. Per un legno tenere useremo una lama a denti grossi, una lama a dentatura media per tutti gli altri legni, una lama fine per metalli non ferrosi o plastici.

Esistono poi accessori che consentono di effettuare tagli diritti (guida parallela) nonché accessori che consentono tagli curvi.

Come si usa?

L’utilizzo di questo utensile (ad esempio per tagliare il legno) richiede poca potenza ma molta precisione:

  • Impugnate il seghetto alternativo con due mani, fissando l’elemento da tagliare con appositi morsetti;
  • Per eseguire un’apertura in un pannello è necessario “segnare” con una matita l’apertura da effettuare;
  • Eseguire due fori in due angoli del tracciato di un diametro tale da poter ospitare la lama  e avanzare regolarmente e lentamente, fermandosi solo quando il taglio è giunto al termine. Se l’apertura da realizzare nel pannello è di forma circolare è sufficiente, ovviamente, eseguire un solo foro in un punto qualsiasi della circonferenza precedentemente segnata.
  • Durante l’operazione di taglio è opportuno inclinarsi sopra la macchina onde poter vedere costantemente e contemporaneamente la lama del seghetto e la linea guida (linea guida precedentemente apposta), per seguirla con precisione.

Consigli.

Per tagliare l’ultimo centimetro del pezzo da lavorare è opportuno ridurre la velocità e sostenere lo scarto per evitare scheggiature e distorsioni del taglio.
Prima di togliere la sega, una volta ultimato il lavoro spegnete l’interruttore ed aspettate che la lama si fermi.

Scelta della lama.

La lama è contraddistinta dal numero di denti, dalla durezza del materiale  e dallo spessore. Essa va scelta in base al materiale da lavorare:

  • Le lame in acciaio e carbonio sono adatte a materiali teneri quale legno tenero o plastica morbida;
  • Le lame in bimetallo, molto flessibili sono adatte per materiali di media durezza;
  • Le lame in acciaio temperato sono adatte per materiali duri quali alluminio, metallo.
  • Le lame a denti grossi vanno utilizzate per il legno tenero;
  • Le lame a denti sottili si usano per materiali duri:legnosi, metallici o plastici.

I prezzi.

I prezzi dei seghetti alternativi oscillano tra i 40 ed i 1000 euro. Una tale differenza di prezzo è determinata dal tipo di attrezzo e dalla marca.

I noti marchi quali Black & Decker, Bosch o Makita propongono, infatti,  seghetti per un uso fai da ch e costano tra i 40 ed i 100 euro e utensili professionali che costano dai 200 ai 1000 euro che hanno motori fino a  800 watt, quattro posizioni di oscillazione della lama, e funzione elimina trucioli.

Manutenzione dell’utensile.

Di norma per questi utensili non esiste manutenzione, occorre solo sostituire la lama con frequenza in quanto  quando essa è usurata non può essere affilata e deve essere sostituita. Come già detto, utilizzando lame appropriate diventa possibile segare una varietà di materiali.

Normalmente la sostituzione della lama è un’operazione semplicissima che si esegue in brevissimo tempo.

Generalmente l’attrezzo è dotato di una levetta o di un pulsante situato in prossimità della lama, premendo il quale è possibile disinserire la vecchia lama ed inserire la nuova.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

Segare Segare

Tagliare il legno: tecniche ed attrezzi Tagliare il legno: tecniche ed attrezzi