Potatura camelia


Potatura camelia


Tutte le fasi della potatura della camelia ed i consigli utili per ottenere un buon lavoro. Dagli attrezzi necessari alla potatura di formazione, dal diradamento dei germogli alla potatura di mantenimento.

Attrezzi ed accorgimenti per potare la camelia.

Prima di tutto, è bene avere qualche accorgimento per evitare di creare danni sul nostro albero di camelia. Utilizzare sempre cesoie o forbici affilate e disinfettate. Fare tagli netti, obliqui e decisi evitando di lasciare filamenti scoperti che potrebbero attirare parassiti pericolosi per la pianta. Dopo aver effettuato il taglio è buona abitudine disinfettarlo.

Operazione di accestimento.

Un bell’albero di camelia è tondeggiante, con grandi fiori sui rami che devono esser separati abbastanza da potervi far passare un uccello, come recita il detto inglese “Prune so a bird fly in and light on a limb". L' operazione detta “potatura di formazione” ha l’obiettivo di aumentare la produzione di rami e di far crescere la giovane pianta secondo la forma desiderata. Si effettua eliminando i rami dalla forma sgraziata, secchi o malati che non solo danneggiano l’estetica della pianta, ma potrebbero sviluppare delle patologie.

Per raggiungere questi obiettivi, è possibile iniziare a lavorare sulla giovane pianta accorciando di volta in volta il ramo centrale, per permetterle di arricchirsi di rami alla base del fusto: questa operazione si chiama “accestimento”.

Diradamento dei germogli.

Per avere rami con grandi fiori di camelia è possibile effettuare un’operazione di diradamento dei boccioli più piccoli e deboli, per lasciare lo spazio ed il nutrimento solo a quelli che appaiono più sani e vigorosi: con un coltellino disinfettato è possibile tagliare i boccioli che si è deciso di eliminare, con un taglio obliquo e netto.

Come potare i rami di camelia.

Per favorire le ramificazioni laterali è necessario un lavoro di “potatura di mantenimento” per eliminare quei rami che crescono verso l’interno della pianta e mantenere la forma desiderata: si effettua un taglio obliquo appena sopra l’altezza del nodo del ramo in modo che si possa sviluppare un nuovo rametto dalla gemma rivolta verso il sole, che crescerà quindi verso l’esterno.

Quando potare la camelia?

La camelia si può potare dopo la sua fioritura, che varia in base alla specie.

Come prelevare la talea.

Nel periodo estivo, quando i nuovi rametti hanno assunto un bel colore verde ed hanno sviluppano circa due-tre nodi, si effettua un taglio obliquo e netto all’altezza del nodo più vicino al ramo centrale. Questo rametto, che sarà lungo circa una decina di centimetri, potrà essere messo a dimora in un terreno opportunamente preparato e darà vita ad un nuovo cespo di camelia. Le talee vanno prelevate dalle piante più sane.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

camelia coltivazione camelia coltivazione

camelia malattie camelia malattie