Pitture al quarzo


Pitture al quarzo


Guida informativa sulla pittura al quarzo, materiale ideale per ogni tipo di supporto, da utilizzare per superfici esterne perché molto resistente agli agenti atmosferici ed agli aggressivi chimici, completa di consigli per l’acquisto, l’applicazione e la conservazione del materiale.

Caratteristiche e tipologie di pitture a quarzo.

La pittura al quarzo è formata da piccolissimi granelli di quarzo ridotti a farina, resine sintetiche ed acqua che la rendono molto facile da applicare e molto resistente agli agenti atmosferici ed agli aggressivi chimici. E’ altamente coprente e si ancora perfettamente al supporto, soprattutto se costituito da intonaco e malta bastarda. Altra caratteristica è la sua capacità di riempire le imperfezioni della superficie rendendola omogenea e cancellandone le irregolarità. Previene la formazione di muffe, alghe e batteri. Si lava facilmente, è idrorepellente e traspirante e quindi ideale per la tinteggiatura di qualsiasi superficie esterna.

Vantaggi e svantaggi.

I vantaggi sono quelli derivati dalle caratteristiche prima descritte: idrorepellenza, antimuffa, resistenza nel tempo e facilità di applicazione. Lo svantaggio risiede nel suo potere impermeabilizzante che potrebbe aumentare il rischio della formazione di condensa in luoghi umidi e quindi favorire il distacco della pittura e la formazione di muffe, perciò è sconsigliata per le superfici interne.

A cosa serve e dove utilizzarla.

Adatta a tutti i tipi di supporto anche già pitturati, dal cemento all’intonaco al legno. Grazie alla sua resistenza e facilità di applicazione è ideale per la finitura di edifici civili, palazzi d’epoca, fabbriche e capannoni situati in qualsiasi tipo di ambiente. Ottima anche per decorare terrazze, balconi e cornicioni.

Quanto costa, dove comprarla.

La pittura al quarzo costa dai 3 ai 5€ al litro e si acquista presso colorifici, negozi di ferramenta e bricolage, grandi magazzini nel reparto faidate oppure direttamente su internet presso siti specializzati.

Quanta ne serve.

Si consuma circa 1lt ogni 6 mq per una mano di pittura al quarzo.

Come si usa.

Pulire il supporto da ogni residuo di muffa, unto, sporco di qualsiasi tipo ed attendere che si asciughi perfettamente. Eliminate le parti di intonaco friabili e che si staccano facilmente e passate dello stucco per uniformare la superficie. Attendete che si secchi completamente lo stucco e carteggiate la zona interessata. Passate poi all’applicazione di un isolante ed attendete l’asciugatura. A questo punto diluite la pittura al quarzo con acqua nelle dosi consigliate sulla confezione (solitamente al 20-30%) e con un rullo o un pennello applicatela alla superficie senza farla colare. Dopo circa 8-10 ore potete passare la seconda mano.

Consigli utili.

La temperatura ambientale ideale per l’utilizzo della pittura al quarzo va dai 5 ai 35 gradi. Evitare di usare la pittura al quarzo in giornate piovose, umide o nebbiose. Una volta aperta, la confezione si conserva in luogo fresco ed asciutto al riparo dal sole diretto e dal gelo. Una volta completato il lavoro di tinteggiatura, pulite gli attrezzi con acqua.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

pitture ai silicati pitture ai silicati

pitture anticondensa pitture anticondensa