Piastrelle adesive


Piastrelle adesive


Le piastrelle adesive sono sempre più utilizzate grazie alla loro flessibilità e facilità di applicazione. Offrono soluzioni variegate adatte a tutti gli ambienti interni e permettono di virare verso scelte estetiche molto particolareggiate con estrema semplicità. Colorate o dalle cromie più naturali sono una scelta chic e di facile realizzazione. Per rivestimenti degli ambienti più disparati le piastrelle adesive offrono certamente una semplice soluzione che soddisfa molteplici esigenze estetiche. Adatte al fai da te e flessibili nell’applicazione possiamo utilizzarle nel rivestimento di pavimenti, muri o piccole superfici base lisce. La possibilità di rivoluzionare completamente i nostri ambienti ci è data dalla poliedricità di aspetto e caratteristiche tecniche proprie di queste piastrelle.

Cosa sono le piastrelle adesive.

Le piastrelle adesive sono materiali edili che permettono di rivestire in modo semplice e veloce qualsiasi superficie ben levigata. Sono principalmente composte da plastica e il loro aspetto varia in base all’esigenza estetica del consumatore: tali piastrelle assumono aspetto del legno nei parquet simulati, della ceramica (attraverso particolari lavorazioni del prodotto base in plastica che si avvalgono di estratti della ceramica), di prati verdi all’inglese, di murature colorate o qualsiasi superficie riproducibile attraverso la lavorazione della plastica o pvc. La plastica viene lavorata con l’aggiunta di particolari minerali che permettono un’estrema versatilità nel risultato finale della piastrella.

La forma è solitamente squadrata e regolare per facilitarne l’applicazione. Il materiale risulta malleabile, le superfici vengono vendute in lastre facilmente tagliabili in piastrelle di forma e dimensioni a nostro piacimento a mezzo di un  cutter.

Aderiscono alla superficie con l’utilizzo di una colla al silicone o attraverso una parte autoadesiva posta sulla parte retro della piastrella (piastrelle autoadesive). 

Le diverse tipologie.

Esistono svariate tipologie di piastrelle adesive, la plastica lavorata o il pvc sono la principale componente costitutiva. Esse attraverso particolari lavorazioni vanno ad imitare molteplici tipi di materiale, per assumerne l’aspetto estetico ed adattarsi agli ambienti. Ormai tutte le superfici possono essere simulate attraverso composizioni in plastica, vinile, minerali e sintesi di materiali chimici.

La soluzione adesiva, soprattutto quella autoadesiva, risulta estremamente vantaggiosa per una rivoluzione totale di ambienti che necessitano di rivestimenti e pavimentazioni.

Materiali e caratteristiche tecniche.

Con il raffinarsi delle tecniche è stato possibile realizzare piastrelle adesive con materiali particolarmente compositi, vinile e minerali a sostanze chimiche di sintesi, che offrono diverse soluzioni di design a simulare sempre meglio le pavimentazioni tradizionali e le loro caratteristiche di resistenza.

Ad ogni modo la composizione delle lastre per piastrelle adesive è variabile rispetto all’azienda produttrice. Le piastrelle sono offerte con retro  autoadesivo o in soluzioni in cui si usa la colla al silicone per la posa in opera, e, in ogni caso,  la presa d’attacco è fortissima. Nonostante la forte presa adesiva è consigliabile l’applicazione di tali piastrelle su superfici lisce o levigate, a meno che non si sia disposti a particolari lavorazioni (pavimentazioni irregolari o a fughe larghe) in cui è necessario l’utilizzo di stucchi specifici.

I materiali utilizzati vengono trattati e proposti in soluzione finita con caratteristiche isolanti.

Le dimensioni rispondono a diversi tipi di esigenze standard; le più comune: 40,6 x 40,6 cm, 30,5 x 60,9 cm; 60,9 x 60,9 cm (indicativamente piccole, medie e grandi), ma le aziende propongono anche soluzioni personalizzate. Anche lo spessore può variare in base alle esigenze, da un minimo di 2 mm (adatte a rivestimento pavimentazioni interne poichè non è necessario modificare le porte) fino a 9 mm , più resistenti adatte agli esterni e spazi aperti.

Versatilità del prodotto e semplicità di utilizzo.

La molteplicità di possibilità estetiche offerte, insieme al vantaggio della soluzione autoadesiva permette complete ristrutturazioni di ambienti interni, adatte a chi ha intenzione di dare una svolta estetica completamente diversa alla propria casa in brevissimo tempo!

Inoltre, negozi ed uffici pubblici, continuamente esposti all’usura e quindi ad un necessario rinnovamento o manutenzione delle superfici, spesso preferiscono utilizzare soluzioni in piastrelle adesive per la possibilità di cambiare velocemente l’impatto estetico dei vari spazi.

Come si applicano le piastrelle adesive?

Tenteremo ora di semplificare i passaggi per un fissaggio fai da te di piastrelle adesive su un pavimento generico, dato per scontato che questa superficie sia già liscia e livellata.

Materiali ed attrezzi: Piastrelle adesive, 1 cutter professionale, un metro per prendere le misure, colla al silicone nel caso le piastrelle non siano adesive, un rullo per pavimenti, una squadra, una spatola di plastica.

Consiglio.

Per calcolare il numero di piastrelle necessarie moltiplicate la larghezza della superficie da rivestire per la lunghezza.Otterrete in tal modo i mq delle lastre o quadrotti da comprare. Ad essi è necessario aggiungere un 10% in più per i ritagli di piastrelle da applicare lungo il perimetro e per l'eventuale sostituzione di quelle che si dovessero danneggiare nel tempo.

Procedimento:

  • Sgrassare e pulire accuratamente se necessario (esempio: pavimento cucina) la superficie. 
  • Appoggiate la prima piastrella giusto al centro del pavimento.
  • Posizionate le altre piastrelle formando una fila verticale ed una orizzontale a forma di croce.
  • Con una squadra verificate che il punto di incontro delle due file formi un angolo retto. 
  • Se le piastrelle sono in linea, tracciate, con una matita le linee di contorno delle due file di piastrelle. 
  • Rimuovete le piastrelle e cominciate la posa in opera. 
  • Togliete la carta adesiva e poggiate leggermente la prima piastrella lungo le linee guide tracciate. 
  • Quando sarà perfettamente sistemata, fissate la piastrella con la spatola, premendo dal centro verso i bordi. 
  • Posizionate le altre piastrelle lungo la croce disegnata e da essa procedete verso il perimetro della stanza facendo attenzione che ogni piastrella sia perfettamente accostata a quelle adiacenti.
  • Quando avrete posizionato tutte le piastrelle intere, rimane da riempire gli spazi tra le piastrelle intere ed il muro, con piastrelle tagliate a misura. Per lo scopo sovrapponete la piastrella da tagliare sull’ultima intera, posizionate una terza piastrella sulle due affiancandola al muro, e segnate con la matita una linea sulla seconda piastrella.Tagliate poi con il cutter lungo la linea ed incollate. 
  • A lavoro ultimato passate un rullo per rimuovere eventuali bolle d’aria e garantire maggiore adesione delle piastrelle. 
  •  Pulite le giunture dall’eccesso di colla e stucco con un panno umido. 

Come realizzare ritagli particolari o fregi?

Data la semplicità di posa in opera delle piastrelle adesive è possibile anche realizzare dei fregi e delle decorazioni o anche dei disegni con piastrelle di vario colore.

Il procedimento della posa in opera è identico a quello sopra descritto con qualche piccola variante.

In caso di disegno con piastrelle di diversi colori è necessario farsi uno schema in precedenza e seguirlo nell’applicazione delle singole piastrelle, alternando i colori come dallo schema.

Per inserire un fregio, invece, si procede dopo aver posto in opera tutte le piastrelle:

  • Realizzate una sagoma del motivo scelto con un cartoncino. 
  • Applicate la sagoma sul pavimento e con una matita disegnatene i contorni. 
  • Col cutter e con l’aiuto di squadre tagliate le piastrelle sul pavimento, avendo cura di non far sollevare gli angoli.
  •  Utilizzate le piastrelle staccate per tagliare le nuove piastrelle del motivo che si intende realizzare ed incollate. 

Perché scegliere le piastrelle adesive? Vantaggi e svantaggi.

Un rivestimento in piastrelle adesive può garantire numerosi vantaggi. Innanzitutto è un lavoro di ristrutturazione o decoro di ambienti molto semplice e veloce. Qual’ ora si decida di rivoluzionare ad esempio un appartamento, la soluzione in piastrelle adesive faciliterebbe non poco la metamorfosi delle superfici evitando gli inconvenienti delle soluzioni tradizionali. Inoltre la varietà di forme e colori proposte dalle lastre per piastrelle adesive offrono certamente un’ampia possibilità di scelte estetiche e funzionali, e la possibilità di una facile applicazione fai da te garantirebbe certamente un significativo risparmio sulla spesa totale.

Da sottolineare che in particolare questo materiale in grandi quantità è certamente più economico dei comuni rivestimenti ed il risparmio investirebbe anche tutte le conseguenze di lavori strutturali che le piastrelle adesive non richiedono, anche se  la solidità dei materiali naturali e classici non è garantita, la possibilità di usura di superfici in piastrelle adesive è maggiore. Un rivestimento per ambienti esterni (esempio pavimentazione di un balcone) garantisce meno solidità nel tempo a causa dell'azione degli agenti atmosferici, come sole, gelo, pioggia. Anche gli agenti chimici aggressivi possono usurare tali rivestimenti che risultano dunque più vulnerabili nel tempo rispetto alle soluzioni tradizionali. Inoltre, nonostante la caratteristica di impermeabilità, le piastrelle adesive sono più esposte a rischio di infiltrazioni.

Le superfici su cui vanno applicate devono essere lisce, le irregolarità aumenterebbe rischio di infiltrazioni. In realtà si tratta di una questione di scelte, per soluzioni rapide e a breve medio termine le piastrelle adesive offrono vantaggi economici e pratici, mentre per soluzioni in cui si richiede maggior solidità nel tempo i rivestimenti tradizioneli sono consigliabili.

Manutenzione.

Le piastrelle adesive hanno bisogno di molte cure e accorgimenti. Innanzitutto, nonostante la caratteristica di impermeabilità, occorre ridurre il rischio di infiltrazioni. Oltre a provocare possibile formarsi di muffe, le infiltrazioni potrebbero causare innalzamento o scollamento delle piastrelle. Per non incorrere in questo inconveniente evitare di posizionare le piastrelle (a meno che non abbiano caratteristiche specifiche) in luoghi esposti a continuo contatto con l’acqua.

Anche l’eccessiva esposizione al sole potrebbe portare le piastrelle a innalzamento dei bordi o scollamento, questo perchè il calore potrebbe compromettere l'efficacia del materiale collante. Utilizzarle dunque in luoghi, anche se esterni, ombreggiati o comunque non esposti al sole cocente. Occorre stare attenti ai puntali dei mobili poichè potrebbero danneggiarle, ricoprire dunque eventualmente i puntali con gomma o materiali più morbidi.

Per lavare le superfici è necessario utilizzare acqua tiepida e sapone neutro, tutti i prodotti aggressivi potrebbero danneggiare lo strato superficiale delle piastrelle.  Assolutamente vietato l’utilizzo di trielina, solventi o acetone. 

Quanto costano le piastrelle adesive?

Materiale abbastanza accessibile economicamente, i prezzi delle lastre di piastrelle adesive oscillano da un minimo di 13 euro a mq ad un massimo di 25 euro al mq. Il vero risparmio risiede nella facilità di lavorazione e posa in opera. I prezzi sono variabili, moderne tecniche più raffinate presentano lastre di piastrelle adesive di composizione quasi completamente minerale e i loro prezzi possono raggiungere anche un massimo di 35 euro al mq.

A chi rivolgersi per la scelta e l'acquisto.

Una semplice ricerca web fornisce liste di numerose aziende che mettono a disposizione consulenti per la scelta delle piastrelle adesive più adatte alle proprie esigenze. I prodotti sono comunque facilmente reperibili in tutti i negozi con prodotti per la casa e angolo fai da te.

Consigli e suggerimenti.

  • Le piastrelle adesive sono più soggette all’usura rispetto alle tradizionali.
  • Si consiglia di optare tale scelta per interni o esterni non eccessivamente esposti alla luce solare e a possibili infiltrazioni.
  • Utilizzare detergenti non aggressivi ed assicurare una cura costante.
  • Una buona manutenzione garantisce un risultato più duraturo nel tempo.

Supervisione: Giuseppe Travaglione

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Approfondimenti:


Approfondimenti:

Piastrelle in PVC
Piastrelle in PVC

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

Piastrelle in PVC Piastrelle in PVC