Malta di calce: composizione, scheda tecnica ed utilizzo .

Malta di calce: composizione, scheda tecnica ed utilizzo

Che cosa è la malta di calce?

La malta di calce è una malta e quindi una miscela di: legante, sabbia o altro tipo di inerte ed acqua che utilizza come legante la calce.

E’ una delle malte più utilizzate nei lavori in muratura, per la costruzione di pareti interne, per erigere muri di tamponatura ed esterni e per intonacare pareti esterne.

Cos’è la calce?
La calce è un materiale utilizzato fin dalla antichità nelle costruzioni (era già presente come legante in una pavimentazione dell’anno 7000 a. C. rinvenuta nella città di Yiftah in Israele ai confini col Libano) che si ottiene cuocendo in fornaci ad una temperatura di circa 1000°C le rocce calcaree. Dopo la cottura si ottiene la calce viva non utilizzabile nel settore edile. Per essere utilizzata in tale settore deve essere sottoposta ad un processo d’idratazione, che la trasforma in calce idrata o calce spenta che è una polvere bianca di consistenza soffice o in in grassello di calce (impasto di calce idrata con acqua) che è una pasta lattiginosa.La calce può differenziarsi,in funzione delle reazioni che crea quando viene mescolata con acqua per preparare la malta, in due differenti tipi e precisamente:
  • Calce Aerea che indurisce a contatto con l'anidride carbonica dell'aria.
  • Calce Idraulica che indurisce in presenza di acqua.

Tipologie, caratteristiche e composizione delle malte di calce.

Miscelando opportunamente (sia in quantità che in qualità) leganti di calce ed inerti ed aggiungendovi speciali additivi si ottengono svariate tipologie di malte di calce.

Nel seguito ne prenderemo in considerazione qualcuna di quelle che più comunemente vengono utilizzate.

Malta ordinaria di calce aerea.

Si prepara, miscelando:

  • se si parte da grassello di calce, 1 volume di questo e 2-3 volumi di sabbia (meglio se sabbia di fiume in quanto quella di frantoio proviene da macinazione di materiale di risulta dell’edilizia e quindi contiene molte impurità).
  • Se si parte invece da calce idrata in polvere si miscela 1,5 kg di calce idrata con 10 kg di sabbia.

La malta che si otterrà ha le seguenti caratteristiche:

  • è plastica e quindi facile da lavorarsi;
  • ha notevole ritenzione di acqua e quindi poco adatta a lavorazioni all’esterno;
  • è flessibile ed assorbe bene l’energia di deformazione elastica;
  • è traspirabile e quindi smaltisce senza difficoltà l’umidità degli ambienti interni;
  • non da luogo ad efflorescenze (depositi di cristalli creati a seguito dell’evaporazione).

Malta di calce idraulica.

Si prepara mescolando:

  • 1 volume di calce idraulica naturale con 3 volumi di sabbia,
  • oppure un volume di calce aerea con 3 volumi di pozzolana triturata
  • o ancora 1 volume di grassello di calce, 1 volume di cocciopesto triturato finemente (argilla cotta), 2 volumi di sabbia.

Le malte che si ottengono hanno buone proprietà idrauliche e quindi:

  • sono impermeabilizzanti e perciò non lasciano passare l’acqua pur conservando una discreta traspirabilità;
  • hanno buona resistenza meccanica;
  • sono adatte a lavorazioni esterne.

Malte di calce composte o bastarde.

Sono malte che si ottengono aggiungendo alla calce idraulica un altro legante per migliorarne le caratteristiche. I più comuni leganti che si aggiungono sono il cemento che aumenta la resistenza meccanica della malta ed il gesso che ne accorcia i tempi di presa ed indurimento.

Si preparano mescolando:

  • 1 parte di cemento,
  • 3 parti di calce,
  • 10 parti di sabbia,
  • 3 parti di acqua.

Approfondisci le caratteristiche del cemento.

Utilizzi delle malte di calce.

Come già detto le malte di calce sono tra quelle più utilizzate in edilizia grazie alle caratteristiche della calce un materiale naturale, traspirante, resistente al tempo e soprattutto facile da lavorare. Generalmente le malte di calce servono per realizzare intonaci e per murature, in quanto esse aderiscono bene ai materiali da costruzione creando, con l’indurimento un unico corpo.

Tuttavia gli utilizzi specifici variano a seconda delle tipologie e della composizione:

  • le malte ordinarie di calce aerea trovano impiego per la costruzione di pareti interne (tramezzi) e per intonaco di interni. Grazie alla facile lavorabilità ed alla porosità della superficie si prestano all’applicazione in grossi spessori senza rischio di fessurazioni. Esse, però, temono gli attacchi di condizioni atmosferiche particolarmente rigide;
  • le malte di calce idraulica vengono maggiormente utilizzate per erigere muri di tamponatura ed esterni e per intonacare pareti esterne in quanto sono impermeabilizzanti e traspiranti;
  • le malte bastarde trovano impiego per la realizzazione di intonaci e legante di mattoni sia all’interno che all’esterno grazie alle qualità dei due componenti che vengono utilizzati come legante. La calce dà alla malta una maggiore lavorabilità, il cemento una notevole resistenza ed impermeabilità.

Supervisore: Giuseppe Travaglione
SU

La tua Opinione!

Giudica questo Articolo:

Approfondimenti:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Fai da te 360, non mostrare più questo box.