Intonaco


Intonaco


L’ intonaco persegue una funzione estetica, di protezione nonché mira ad assicurare la necessaria traspirabilità della muratura. In particolare, quello esterno ha lo scopo di proteggere la muratura dagli agenti atmosferici, mentre l’intonaco interno, mira ad evitare fenomeni di condensa, assorbendo dalle pareti l’eventuale umidità.

Cosa è l'intonaco?

L'intonaco è un rivestimento delle murature e dei soffitti composto dalle stesse  malte che vengono impiegate per le murature (malta di calce aerea, malta di calce idraulica, malta di cemento o di gesso) ma che presentano una dose maggiore di legante.

Esso è generalmente composto da tre strati di malta:

Rinzaffo: primo strato di malta che viene applicato sulla parete con la cazzuola ed ha uno spessore di 8/10 mm.

Arricciatura: secondo strato che va applicato sul rinfazzo con  spessore di circa 15 mm. 

Rifinitura: è un terzo strato che si stende all'occorrenza per rifinire, con uno spessore si pochi millimetri.

Tipologie di intonaco.

L’intonaco prevede i tre strati ma non mancano casi in cui, in funzione della destinazione del locale (garage, deposito), due strati possono risultare sufficienti.

A seconda del numero degli strati l'intonaco si divide in:

  • Intonaco rustico che prevede il solo strato di rinzaffo. Esso presenta una superficie rugosa  ed è utilizzato per cantine, sottotetti o costruzioni rurali. 
  • Intonaco civile che prevede oltre al rinzaffo anche l'arricciatura e la rifinitura e spesso alla malta viene mescolato il colore che si vuole dare alla parete.

In base agli effetti estetici ottenuti  abbiamo intonaci rigati, graffiati o spruzzati. Tali effetti vengono ottenuti con arnesi o trattamenti specifici applicati sullo strato di finitura prima che indurisca.

  • L'intonaco graffiato o rigato si ottiene passando sullo strato ancora fresco una lama seghettata o una spazzola metallica:
  • L'intonaco spruzzato si ottiene spruzzando sullo strato di arricciatura materiali di silice già disponibili sul mercato in vari spessori e colori.

Per lavori di lieve entità, è opportuno tenere presente che il mercato offre ottime malte in polvere premiscelate. In funzione dei componenti è possibile realizzare tipologie di intonaci con caratteristiche particolari, come intonaci deumidificati, impermeabilizzanti, ignifughi, fonoassorbenti, termoisolanti.

Posa in opera dell'intonaco.

Intonacare un’intera parete non rientra in genere nelle operazioni classiche del Fai da te, anche se non è un’operazione impossibile.

Per realizzare un intonaco che presenti uno spessore omogeneo per l’intera parete sono indispensabile le cosiddette linee di riferimento, da realizzare alla distanza di circa un metro una dall’altra, avvalendosi del frattazzo e della cazzuola.

Le linee di riferimento sono strisce verticali di intonaco larghe 15/20 cm da eseguire con cura per l' intera altezza della parete da intonacare. Quando risultano completamente asciutte si passa ad intonacare una dopo l'altra le zone di parete comprese tra due strisce consecutive.

Una volta posata la malta tra due strisce consecutive si passa una staggia (un listello diritto di legno) dal basso verso l'alto per eliminare l'impasto in eccesso prima che si asciughi, usando come guida le linee di riferimento. Non resta che ripetere l' operazione per le restanti aree da intonacare fino a completare la parete.

Approfondisci come stendere l'intonaco per esterno con la tecnica del fai date.

IL consiglio in più.

Prima di intonacare il muro deve essere bagnato. Per le nuove costruzioni, se il muro è stato realizzato in cemento, è possibile intonacare anche subito, altrimenti bisogna aspettare almeno una trentina di giorni dalla costruzione della parete.

In genere, il Fai da te trova impiego in operazioni di ripristino dell’intonaco che presenta crepe o risulta parzialmente distaccato. Prima di procedere a lavori di ripristino di crepe o di intonaco parzialmente distaccato, è necessario accertare le cause dell’evento, allo scopo di scongiurare che possa trattarsi di eventuali infiltrazioni d’acqua o fenomeni di umidità. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360: