Gelsomino potatura


Gelsomino potatura


Guida informativa sulla potatura del gelsomino, dagli interventi di formazione a partire da subito dopo l’impianto agli interventi mantenimento e ringiovanimento, dagli attrezzi alle tecniche, dal diradamento alla rimozione dei rami secchi, spezzati, comunque danneggiati o preda di parassiti e malattie.

Informazioni sulla pianta di gelsomino.

Il gelsomino, Jasminum, della famiglia delle Oleaceae, originario delle regioni tropicali, dalla Cina all’India, dall’America all’Asia, al Sud Europa, è una pianta a portamento arbustivo - rampicante, sempreverde e a fogli caduche, che raggiunge un'altezza media prossima ai 2-3 m circa.

Conta circa 250 specie e si presta ad essere coltivata sia in vaso su balconi e terrazzi che in piena terra in giardino, come arbusto unico o come rampicante per rivestire ed adornare graticci, ringhiere, muri scabri, tettoie, gazebo, pergolati, creando aree protette e riservate.

Le specie maggiormente coltivate e apprezzate sono conosciute con i nomi di:

  • Gelsomino di S. Giuseppe o Gelsomino d’inverno (Jasminum nudiflorum); Gelsomino Giallo (Jasminum primulinum);
  • Gelsomino bianco o comune (Jasminum officinale);
  • Gelsomino di Spagna (Jasminum grandiflorum).

Perché potare il gelsomino.

Per la specie gelsomino (Jasminum) gli interventi di potatura occupano un posto importante fin dal momento dell’impianto, al fine di assicurare al rampicante una vegetazione fitta e rigogliosa fin dalle parti basali, cominciando a guidarlo verso una forma in linea con la destinazione.

Per assicurare alla pianta adulta la forma desiderata e stimolare la formazione di getti laterali, a partire dall’arrivo della prima primavera successiva all’impianto, e per i 2-3 anni successivi, bisogna provvedere a recidere i rami di circa 2/3 della lunghezza.

Gli interventi relativi agli anni successivi sono di mantenimento, mirano cioè a conservare il risultato raggiunto, e di ringiovanimento, con i quali si provvede ad eliminare e/o accorciare i rami più vecchi e legnosi.

Quando potare il gelsomino.

Subito dopo la messa a dimora, per favorire l’infoltimento della parte bassa del rampicante, evitando che tra i rami vengono a crearsi zone spoglie. Con l’arrivo della primavera successiva all’impianto si provvede ad accorciare i rami del 70% circa, in modo da favorire la formazione di getti laterali.

Se il numero, la distribuzione e la robustezza dei rami non risulta soddisfacente, l’operazione va ripetuta per i primi 2-3 anni.

Dopo la formazione, annualmente, oltre alla rimozioni delle parti comunque compromesse, è prevista una potatura di ringiovanimento, da eseguire prima o successivamente alla fioritura a secondo che la specie fiorisce sui rami dell’anno precedente o sui rami dell’anno.

Nel primo caso, l’intervento deve precedere di 15-20 giorni l’inizio della fioritura, mentre per la specie che fiorisce sui rami dell’anno, l’intervento va eseguito verso la fine dell’inverno-inizio primavera, quando la pianta si sta preparando per la nuova stagione vegetativa.

Come potare il gelsomino:

  • il gelsomino bianco o comune (Jasminum offcinale), va diradato, senza accorciare i rami.
  • a differenza che per la specie Jasminum nudiflorum e Jasminum primulinum, i rami che si è decisi di eliminare non vanno accorciati dei 2/3 circa, ma recisi dalla base;
  • i rami delle specie perenni a ciclo annuale vanno recisi rasoterra o a pochi centimetri dal suolo;
  • i rami fioriferi del gelsomino d’inverno (Jasminum nudiflorum e del gelsomino giallo (Jasminum primulinum) si accorciano del 70-80%;
  • per la quasi totalità delle restanti specie è sufficiente provvedere ad eliminare i rami secchi, spezzati, preda di parassiti animali o comunque danneggiati dalla stagione invernale.

Attrezzi e precauzioni.

Per velocizzare la cicatrizzazione ed evitare che le ferite (i tagli) possano diventare veicoli di patologie fungine e preda di parassiti animali, bisogna eseguire tagli obliqui e netti, senza sfrangiature, utilizzando forbici e cesoie sterilizzate e bene affilate.

Supervisione: Giuseppe Travaglione

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

Gelsomino malattie Gelsomino malattie

Gelsomino Gelsomino