Erba cipollina coltivazione


Erba cipollina coltivazione


Come si coltiva l’erba cipollina, dalla scelta e preparazione del terreno alle pratiche colturali, dalla semina al raccolto, dalla concimazione e irrigazione alla coltivazione in piena terra,  alla coltivazione in vaso.

Informazioni sull’erba cipollina.

Come si desume dal nome si presenta come un prato di piccolissime cipolle, che cresce velocemente una volta tagliato.

Presente in misura massiccia nel Nord Europa, si sta diffondendo anche nel nostro paese. Attualmente, oltre che in Europa, si coltiva in Asia e nel Nord America.

E’ una pianta bulbare aromatica perenne della famiglia delle Alliaceae, alta dai 10-15 ai 40cm circa con foglie aghiformi. Dal bulbo si dipartano gli steli a sezione tondeggiante e cavi.

In presenza di condizioni climatiche particolarmente avverse, la parte aerea si secca mentre restano i bulbi che daranno vita ad una nuova vegetazione, non appena il clima lo rende possibile.

Gli vengono attribuite proprietà medicamentose:

  • diuretiche,
  • digestive,
  • antisettiche,
  • cicatrizzante,
  • cardiotoniche,
  • antiscorbutiche,
  • callifughe,
  • vermifughe

ed è ricca di vitamine.

Appena raccolta, viene utilizzata in cucina per aromatizzare insalate e salse.

Condizioni climatiche adatte alla coltivazione dell'erba cipollina.

L’erba cipollina predilige un clima temperato fresco, vive bene anche oltre i 2000 metri di altitudine, ma non disdegna temperature più calde..

Caratteristiche e preparazione del terreno.

L’erba cipollina è una pianta rustica, poco esigente, che cresce in qualsiasi tipo di terreno, anche se predilige un substrato fresco, soffice e drenato.

Per assicurare al terreno una buona areazione e liberalo dalle eventuali erbe infestanti, periodicamente è opportuno procedere con la sarchiatura o zappettatura superficiale.

La preparazione autunnale del terreno prevede la vangatura e la concimazione con letame maturo.

Per una guida dettagliata potete consultare l’articolo: “Preparazione del terreno per l’orto”.

Riproduzione dell'erba cipollina.

Per seme e separazione dei cespi, da distanziare di 20-25cm; in natura per impollinazione degli insetti.

La moltiplicazione per divisione dei cespi è quella che assicura risultati più immediati e che da vita a piante che per colore dei fiori e potere aromatico sono identiche alla pianta madre da cui provengono.

Pratiche colturali: semina, innaffiatura, concimazione.

Il periodo ideale per la semina sia in semenzai che in piena terra coincide con l’arrivo della primavera, mentre l’autunno rappresenta il periodo migliore per la divisione dei cespi.

Per chi crede alle fasi lunari, la semina dell’erba cipollina dovrebbe avvenire “con luna crescente".

Bisogna innaffiare con regolarità, in modo da assicurare al terreno una costante umidità, evitando i ristagni idrici.

Al pari della quasi totalità delle piante aromatiche, l’erba cipollina non richiede particolari interventi di concimazione, dopo la fertilizzazione autunnale del terreno.

Raccolta dell’erba cipollina.

Nelle Regioni a clima mediterraneo può essere raccolta in qualsiasi periodo dell’anno. Deve essere utilizzata possibilmente appena raccolta in quanto con il tempo tende a perdere le proprietà aromatiche. E’ una pianta da tenere in vaso da cui attingere al momento dell’utilizzo.

Gli steli vanno tagliati a qualche cm dal suolo, per dar modo alla pianta di ricrescere velocemente.

Coltivata a scopo gastronomico a partire dal Medioevo, in cucina viene utilizzata in sostituzione della cipolla, per una aromatizzazione meno coprente e più delicata, che non crea problemi di digestione.

Essendo una pianta poco aromatica, non si presta ad essere essiccata, mentre è possibile congelarla o conservarla per qualche giorno in frigo.

Per avere piante sempre rigogliose, i fiori vanno rimossi senza soluzione di continuità, quando sono ancora freschi. Quest’ultimi, anche’essi aromatici e commestibili, possono essere utilizzati per decorare pietanze che prevedono la cipolla come aroma. E’ possibile raccogliere le prime foglie trascorsi 12-15 settimane dalla semina.

Coltivare l’erba cipollina in vaso.

  • E’ una pianta che si presta ad essere coltivata con successo in vaso, da tenere su balconi o terrazzi.
  • E’ sufficiente assicurarle una postazione soleggiata. In quanto compatibili, per la coltivazione in vaso valgono le pratiche colturali viste per la piena terra.
  • I vasi vanno riempiti con un terreno leggero e ben drenato, interrando direttamente i semi con l’arrivo della primavera o procedendo con la separazione dei cespi durante la stagione autunnale.
  • Bisogna assicurare al terreno il giusto grado di umidità, procedendo con regolari interventi di innaffiatura.
  • Gli steli vanno recisi rasoterra, cominciando da quelli più esterni, trascorso 3-4 mesi dalla semina.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360: