Nell’ambito delle costruzioni, il legno, materiale che tanto ha dato alle varie civiltà che si sono succedute nel corso dei secoli, almeno fino agli inizi del XX secolo, rappresenta il materiale di maggiore interesse, quello che maggiormente si presta ad essere lavorato, un materiale che continua a vivere e a modificarsi, anche dopo che da pianta diventa legno, un materiale longevo, destinato a durare nel tempo, se oggetto di adeguata manutenzione e trattamenti che creano barriere agli agenti atmosferici e agli attacchi dei parassiti del legno. Nonostante l’introduzione sul mercato di materiali alternativi al legno, quali muratura, plastica, PVC, ferro, acciaio, con riguardo al settore delle costruzioni in senso lato, dalle casette al corrimano, dalle scale al portoncino d’ingresso, dal recinto al cancello, dal controsoffitto al solaio, dai capannoni alle capriate, dai mobili ai giocattoli (le costruzioni in legno appassionano i bambini e ne sviluppano l’intelligenza), all’arredo da giardino (fioriera, panchina, gazebo, ecc.), il legno resta un materiale a bassa conducibilità termica, riposante, ecologico, naturale, dal minor impatto ambientale, il vero materiale che arreda, il materiale tanto apprezzato dagli artigiani, appassionati di bricolage e Fai da te. Le costruzioni in legno anche quando diventano vecchie ed obsolete, risultano riciclabili, non diventano mai un rifiuto, oneroso da smaltire e dannoso per l’ambiente. Con riguardo alle costruzioni edili, iI legno massiccio e ancor più il legno lamellare, si presta per la realizzazione di strutture di svariate dimensioni sia con riguardo all’edilizia pubblica o aperta al pubblico che a quella privata, dagli alberghi ai ristoranti, dai centri sportivi alle sale riunioni, dai capannoni ai supermercati, dai centri turistici alle sale per congressi.

Argomenti "Costruzioni"

Elenco Completo ...
Loading