Oggi 30 ottobre 2014 è in rilievo per la categoria :

Casette per attrezzi

Casette per attrezzi

Una casetta per attrezzi può essere il risultato dell’assemblaggio di un Kit di montaggio o della costruzione con la Tecnica del Fai da te.
Anche se non mancano casette in altri materiali, come plastica e PVC, quando si parla di casette il pensiero corre alle casette in legno. Mentre cresce l’attenzione per la casa in legno, intesa come abitazione principale, conseguenza di una maggiore sensibilità per l’ambiente ed il risparmio energetico, non risulta affievolito l’interesse per le casette destinate a funzioni diverse, dalla casetta per i bimbi alla casetta per il giardino, dalla casetta per gli uccelli alla casetta per gli attrezzi, dalla casetta per la legna alla casetta per il cane, alla dependance per ampliare la capacità della casa e così via. Se la casetta nido per uccelli si presta ad essere realizzata interamente con la tecnica del Fai da te, a partire dall’approvvigionamento del pannello di legno da tagliare nei singolo pannellini che prevede il progetto, per passare al successivo assemblaggio, per le restanti tipologie di casette, si preferisce ricorrete a kit completi che offre il mercato, che necessitano del solo montaggio. A parte le casette da collocare in giardino, quale ripostiglio o ricovero per la legna o per la vita all’aperto dei bambini, il mercato offre casette strutturate a pannelli, di facile montaggio e smontaggio, di grande utilità e confort in campeggio o villaggi vacanze. Tenuto conto che si tratta di strutture d’appoggio prive di fondamenta, il relativo pavimento deve essere realizzato con pannelli resistenti all’umidità. Escludendo il costoso compensato marino, per lo scopo risultano apprezzati i più accessibili pannelli di compensato fenolico o comunque prevedere pavimenti opportunamente impregnati con prodotti impermeabilizzanti. Insomma, copertura e pavimento rappresentano i punti deboli delle casette. Circa le eventuali autorizzazioni (DIA, Ufficio Tecnico Comunale, ecc), diciamo che le sole casette non fissate al suolo e che rivestono carattere di temporaneità non necessitano di autorizzazione. Ai fini della stabilità di grande interesse risultano le cosiddette casette addossate a muri, dal momento che quest’ultimo si presta ad un ancoraggio rapido ed efficace a mezzo tasselli, senza considerare il risparmio economico, potendo utilizzare il muro come parete posteriore. In questo caso però, trattandosi di un manufatto, comunque ancorato, non si può prescindere dall'affrontare l'eventuale problema delle autorizzazioni.
Loading