Afidi delle piante


Afidi delle piante


Guida informativa sugli afidi delle piante, dalla descrizione dell’insetto per imparare a riconoscerlo dai danni che provoca su foglie, fusto e germogli delle piante sino ai metodi più efficaci per combatterli e prevenire i loro fastidiosi attacchi.

Come riconoscere gli afidi delle piante: descrizione degli insetti e dei danni causati.

Gli afidi o pidocchi delle piante sono piccoli insetti che possono assumere diverse colorazioni dal giallo al verde al nero, i quali si nutrono della linfa delle piante succhiandola dalle foglie e dai germogli. Attraverso queste punture non solo provocano sofferenza e rinsecchimento della pianta, ma la espongono agli attacchi ed alla diffusione di virus e batteri. Vivono in grandi colonie e si spostano da una pianta all’altra volando agilmente tra le foglie che in seguito alle loro punture si accartocciano e si seccano. Alcune specie di afidi attaccano anche le radici che sviluppano protuberanze e deformazioni. Le sostanze di rifiuto degli afidi formano la “melata”, sostanza zuccherina che si riversa sulle foglie, dalla quale si formano funghi chiamati fumaggine. Della melata si nutrono anche le formiche che solitamente accompagnano l’infestazione da afidi.

Quali piante sono più soggette?

Piante ornamentali: quasi tutte, in particolare la rosa. Piante da orto: radicchio, carote, fagioli, pomodori, lattuga,sedano,piselli

Come combattere gli afidi delle piante?

Una volta individuati, gli afidi si possono combattere con insetticidi aficidi specifici reperibili presso negozi specializzati o dal fioraio. Si può anche provare a pulire le parti della pianta interessate, se la colonia di insetti è piccola, utilizzando sapone specifico per piante reperibile presso negozi specializzati. Le parti già attaccate dall’insetto vanno invece eliminate.

Come prevenire gli attacchi di questi insetti.

Per prevenire la proliferazione di questi insetti che amano un clima caldo e secco, è possibile effettuare la pacciamatura del terreno che consiste nel ricoprire il terreno attorno la pianta con materiale organico come foglie, rami secchi,paglia o con plastica per evitare la crescita di infestanti e mantenere l’umidità del terreno. Inoltre non bisogna esagerare con le fertilizzazioni e si deve fare attenzione ad usare concimi organici ben maturi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

mosca dell olivo mosca dell olivo

mosca del ciliegio mosca del ciliegio