Verniciatura della moto


Verniciatura della moto


La verniciatura della moto, operazione possibile con la tecnica del Fai da te, va eseguita con la pistola a spruzzo, dotata del necessario contenitore per la vernice, collegata al compressore con un tubo flessibile. La vernice, della giusta viscosità e opportunamente filtrata, viene polverizzata e spinta sulla superficie da verniciare grazie al contributo del compressore.

La prima cosa da fare e stabile dove eseguire l’operazione. Possibilmente si deve trattare di un luogo chiuso, bene arieggiato, possibilmente pavimentato, privo di polvere e non ventilato. Il vento rappresenta il nemico numero uno per le operazioni di verniciatura: disperde nell’aria la vernice polverizzata impedendo alla stessa di raggiungere in maniera uniforme la superficie da verniciare, nonché solleva gli inevitabili residui di polvere che finiscono sulla superficie che si sta verniciando, quando ancora la vernice non è asciutta, con ovvie conseguenze sul risultato finale.

Individuato il luogo dove si intende operare, con teli e giornali bisogna proteggere il pavimento, pareti e ogni cosa che si trova nel raggio d’azione della pistole a spruzzo. A questo punto bisogna preparare il telaio della moto da verniciare. In pratica bisogna smontare le parti facilmente smontabili, come sellino, ruote, fari, specchietti, e coprire con meticolosità, servendosi di fogli di giornali e scotch carta, tutte le parti non interessate alla verniciatura.

Con l’ausilio della carta vetro si procede alla rimozione di eventuali punti di ruggine. Se necessario si provvede a stuccare eventuali rugosità e imperfezioni, facendo seguire la necessaria carteggiatura con carta a grana sottile, ovviamente quando lo stucco è completamente asciutto. A questo punto la moto è pronta per ricevere la verniciatura.

Dal punto di vista dell’abbigliamento, indossate una tuta da lavoro, probabilmente da buttare alla fine, guanti e mascherina di protezione. Dato per scontato che si dispone della vernice, diluente, viscosimetro, pistola a spruzzo, tubo flessibile e compressore, si passa alla verniciatura in senso stretto.

Con l’ausilio del viscosimetro, diluente e cronometro, conferite alla vernice la giusta viscosità. Per approfondimenti circa la viscosità della vernice, potete consultare la pagina: verniciatura a spruzzo. A questo versate nel serbatoio annesso alla pistola la quantità di vernice sufficiente per verniciare completamente un elemento della scocca della moto. Bisogna evitare che la vernice nel serbatoio finisca prima che si sia verniciata per intero la parte di superficie stabilita.

Durante l’operazione tenete la pistola a circa 20-25 cm dalla superficie da verniciare, procedendo in maniera lineare, senza interruzioni. Terminata per intero una zona, versate altra vernice nel contenitore e ripetete l’operazione per un altro elemento della moto, fino alla totale verniciatura della stessa. Non resta che aspettare che la vernice sia completamente asciutta, per assemblare alla moto le parti smontate, nonché rimuovere scotch e fogli di giornali messi a protezione di quelle parti della moto che non si è riusciti a smontare, ma non interessate alla verniciatura. Utilizzando del diluente, provvedete ad un’accurata pulizia dell’attrezzatura prima di conservarla.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

Verniciatura epossidica Verniciatura epossidica

Verniciatura elettrostatica Verniciatura elettrostatica