Verniciatura del ferro


Verniciatura del ferro


Tra i tanti materiali, il ferro è forse quello che risulta maggiormente attaccabile dagli agenti atmosferici che lo possono danneggiare in maniera irreversibile, qualora le relative superfici non risultano adeguatamente protette con antiruggine e smalto. Le strutture in ferro, pertanto, per durare nel tempo hanno bisogno di una periodica manutenzione.

Come per ogni altro materiale, anche per il ferro, prima della verniciatura le superfici devono essere opportunamente “preparate”. La preparazione delle superfici da verniciare può risultare più o meno impegnativa a secondo delle condizione in cui si trovano. Se la struttura non presenta punti di ruggine, basta una passata di carta vetrata a grana media, per rimuovere la patina superficiale, seguita da un’ accurata spolverata. Quest’ultima è operazione da fare con cura servendosi di una spazzola e tanti straccetti, per evitare che residui di polvere possano condizionare il risultato.

Preparate le superfici della struttura da verniciare, non resta che procedere con la prima mano di vernice, servendosi di pennelli di forma e dimensioni diverse a secondo della conformazione delle superfici da verniciare.

Procedere con una seconda mano di vernice trascorse almeno 24 ore, in ogni caso quando la vernice risulta completamente asciutta. I pennelli prima di essere usati vanno tenuti per una ventina di minuti a bagno nel diluente e quindi adeguatamente strizzati.

Per evitare la faticosa rimozione dell’inevitabile vernice che cola, proteggete il pavimento sottostante la struttura da verniciare con cartoni o fogli di giornali, soprattutto se l’operazione viene eseguita da persone poco esperte. Ultimata la seconda mano, non resta che pulire i pennelli e le eventuali colature sul pavimento con un comune diluente ed aspettare che anche la seconda mano di vernice si asciughi completamente.

Se le superfici della struttura da verniciare presentano punti di ruggine, questi vanno trattati con la spazzola di ferro e successivamente carteggiati, unitamente alla restante superficie. Prima di procedere alla verniciatura, come sopra, bisogna trattare le parti interessate dalla ruggine con un comune antiruggine, da lasciare asciugare per 6-12 ore circa, a secondo della stagione, temperatura, ventilazione e esposizione, prima di procedere con la mano di vernice. Analogamente, per verniciare per la prima volta una struttura nuova, questa va interamente carteggiata per eliminare imperfezioni e sbavature, dopo di che si procede con una mano di antiruggine per l’intera struttura, da lasciare asciugare per almeno 6-12 ore. Quindi, come le per due ipotesi precedenti, si procede alle due mani di vernice, distanziate del tempo necessario perché la vernice risulti completamente asciutta, 18-24 ore circa. Di sicuro, verniciare strutture in ferro, come le inferriate, è operazione che rientra in quelle classiche dei faidate.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

vernici per ferro vernici per ferro

Verniciatura epossidica Verniciatura epossidica