Parquet flottante: cos'? Tipi, prezzi, posa, vantaggi e svantaggi


Parquet flottante: cos'é? Tipi, prezzi, posa, vantaggi e svantaggi

Parquet flottante: caratteristiche.

Il parquet flottante o, volendo essere più precisi “a posa flottante”, è un parquet prefinito (il processo di lamatura e verniciatura è stato effettuato in fabbrica e perciò pronto al calpestio) che è adatto ad essere posato con una particolare tecnica denominata flottante. Detta tecnica consiste nel posare il parquet senza incollarlo o inchiodarlo o comunque ancorarlo al pavimento, ma semplicemente nel poggiarlo su esso consentendogli di flottare ovvero (secondo l’etimologia della parola) di galleggiare.

I listelli per questa tipologia di parquet, per poter essere tenuti insieme, sono dotati di uno speciale incastro maschio-femmina che ne consente l’ancoraggio quando affiancati

E’ evidente che questa tipologia di posa in opera è estremamente semplice e rapida e si presta particolarmente al fai da te in quanto non richiede specifiche abilità ed inoltre può essere fatta su un pavimento preesistente senza pregiudicarne l’integrità.

Approfondisci le caratteristiche del parquet prefinito.

Tipologie dei parquet flottanti.

I criteri con cui possono differenziarsi i parquet flottanti sono diversi.

Un primo criterio è in funzione del tipo di incastro o maschiatura.

Avremo:

Parquet flottante che richiede colla vinilica per il blocco dell’incastro. E' un parquet dotato di un semplice incastro a baionetta come quello in figura che richiede collante per rimare bloccato.

Parquet flottante che non necessita di colla. Ha un incastro più complesso che si blocca con un click e che è difficile a disarticolarsi.

Altro criterio di diversificazione è su come sono realizzati i listoni

Possiamo avere:

  • Parquet flottante stratificato. Se il listello è composto da più strati di legno incollati di cui solo l’ultimo strato (essenza) è di legno pregiato.
  • Parquet flottante massello. Se il listello è di legno massello.

Ulteriore ed ultimo criterio di diversificazione è in funzione del tipo di legno di cui è costituito il listello o l’essenza, avremo così: parquet flottante in rovere, acero, ciliegio, teak, bambù, etc.

Vantaggi e svantaggi dei parquet galleggianti.

I pro.

  • E’ naturale ed ecologico. Non utilizza colle che potrebbero rilasciare nell’ambiente sostanze dannose. In realtà ormai quasi tutti le aziende hanno linee di collanti che non rilasciano alcun componente. Comunque sia è possibile installarlo senza utilizzare alcun prodotto chimico.
  • E’ facile e semplice da installarsi tanto che, anche se con poca manualità, è possibile montarlo da soli senza dover ricorrere all’ausilio di personale specializzato.
  • E’ flottante e quindi non è ancorato al pavimento sottostante. Per questo motivo non compromette l’integrità di un pavimento sottostante e può essere rapidamente disinstallato in ogni momento.
  • Può essere installato anche su un massetto umido e non perfettamente rifinito.
  • E’ facilmente riparabile.

I contro.

  • Richiede per la stabilità un certo spessore minimo (1 cm/1,5 cm) e listelli lunghi almeno 1 m /1,5 m. Condizioni che limitano la gamma di scelta.
  • Alcune tipologie di incastro (quelle ad un click) richiedono una lavorazione più elaborata che può far levitare il costo del parquet.

Costo indicativo del parquet flottante.

Il costo di un parquet flottante varia in funzione del tipo che si sceglie. E’ abbastanza evidente che un parquet flottante con incastro a baionetta, stratificato con essenza in legno non pregiato costerà meno di uno in legno massello pregiato (teak o mogano) con incastro ad un click.

I costi oscillano indicativamente tra un minimo di 20/25 € a mq a 40 e più € a mq. Naturalmente spesso è possibile fare buon affari per i ribassi che i rivenditori specializzati fanno per liberarsi degli stock di magazzino.

Come si procede alla posa in opera fai da te di un parquet flottante.

Di seguito vediamo i materiali e gli attrezzi necessari  e l'iter operativo per per la posa in opera del parquet flottante

Materiali/attrezzi necessari.

Attrezzi e materiali per la posa in opera del parquet flottante

Materiali di consumo.

  • Listelli del parquet da montare. Le scatole vanno trasportate nella stanza da pavimentare con almeno un giorno di anticipo. Il listelli vanno immediatamente liberati dagli imballaggi per dare al legno la possibilità di adeguarsi all’umidità relativa dell’ambiente.
  • Materassino fonoassorbente in rotoli. E’ realizzato con vari materiali. Uno fra tutti è il sughero che è anche naturale in quanto viene dalla corteccia di alberi.
  • Nastro adesivo argentato. Serve a giuntare i pezzi del materassino.
  • Foglio di polietilene. Va disposto sotto il materassino se si ipotizza esistenza di umidità di risalita o nel massetto su cui posare il parquet è sistemato un impianto di riscaldamento a pavimento.

Attrezzi.

  • Metro.
  • Matita.
  • Squadretta da falegname.
  • Seghetto alternativo con lame per il legno.
  • Martello possibilmente in gomma.
  • Saracco per legno.
  • Dima per tagli angolati.

Kit montaggio parquet.

  • Cunei di dilatazione. Si interpongono tra parete e primo listello del parquet servono a distanziare questo di qualche millimetro 1/2 per consentire la dilatazione termica del parquet con l’aumento di temperatura. L’antiestetico spazio vuoto tra fine del parquet e parete verrà mascherato dal battiscopa.
  • Blocco di battuta. Si appoggia al listello per poterci battere col martello senza rovinare l’incastro.

Kit anti infortuni.

  • Guanti.
  • Occhiali. Per preservare gli occhi da schegge durante i tagli.
  • Ginocchiere. Per proteggere le rotule nei lunghi periodi di postura inginocchiata.

Iter operativo.

Posa in opera del parquet flottante

  • Si inizia pulendo accuratamente il massetto che si dovrà ricoprire. Se ne controlla poi planarità e livello. Se necessario si effettuano le correzioni opportune.
  • Si ricopre completamente la stanza col materassino fono assorbente alto 1 o 2 centimetri al fine di ridurre al minimo il rumore da calpestio, che potrebbe presentarsi per la mancanza di ancoraggio al suolo dei listelli.Per effettuare le necessarie giunzioni si utilizza il nastro adesivo argentato.
  • Se necessario al di sotto del materassino si dispone il foglio di polietilene soprattutto se il locale è posto al piano terra e vi è possibilità di risalita di umidità.

Si può a questo punto iniziare a disporre i listelli di parquet.

  • Si inizia a ridosso della parete più lunga e si dispone la prima fila di listelli incastrandoli tra loro e distanziandoli dal muro con i cunei dopo aver eliminato la linguetta dell’incastro.
  • Si procede aggiungendo alla prima una fila successiva di listelli avendo cura di incastrarli debitamente. Per le operazioni di incastro ci si serve di martello, blocchetto di battuta e leva tiralamine. Ci si servirà altresì di sega, seghetto alternativo, squadra, metro e dima per tagliare alla giusta misura i listelli.
  • Si procede in tal maniera fino a completo tappezzamento della stanza. Potrà rendersi necessario rifilare gli stipiti delle porte se si sta posando il parquet su una pavimentazione esistente e pertanto il pavimento si solleverà di qualche centimetro urtando contro le porte.
  • Si rifinisce il lavoro montando un battiscopa.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

Manutenzione parquet Manutenzione parquet

Parquet prefinito Parquet prefinito