Parquet flottante


Parquet flottante


Il parquet flottante deve il nome alla tecnica di posa in opera, che non prevede ne colla, ne chiodi. I listelli, di varie dimensioni, sono tenuti insieme da un sistema di incastri maschio/femmina, possibilmente autobloccanti per evitare anche lo strato di colla vinilica negli incastri. In questo modo i listelli possono essere rimossi in qualunque momento, senza subire danni, per essere posati in un altro ambiente.

Il parquet flottante o galleggiante è il classico pavimento che si presta ad essere posato con la tecnica del fai da te, direttamente sul pavimento preesistente, in maniera facile ed economica.

La nuova pavimentazione in legno va distanziata dalle pareti di 10mm circa per compensare l’eventuale dilatazione. Dal punto di vista estetico, lo spazio lasciato tra la pavimentazione e le pareti viene coperto dal battiscopa o zoccolino.

Per migliorare l’ isolamento termoacustico, tra il vecchio ed il nuovo pavimento può essere prevista una sottile guaina di materiale isolante - fonoassorbente, reperibile in genere presso gli stessi fornitori del parquet.

A parte la facile posa in opera ed il vantaggio di poterlo rimuovere con estrema facilità in qualsiasi momento, la scelta del parquet flottante risulta quasi obbligata, o quanto meno consigliata, per ambienti che presentano umidità, condensa e significative variazioni di temperatura.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

Manutenzione parquet Manutenzione parquet

Posa in opera del parquet Posa in opera del parquet