Costruire un mobile fai da te


Costruire un mobile fai da te


Guida informativa su come costruire un mobile in legno con la tecnica del fai da te, dal progetto agli attrezzi e materiale necessario, da dove approvvigionarsi a come assemblare i vari elementi.

Perchè optare per il fai da te?

Aumenta giorno dopo giorno l’esercito di persone che almeno per una volta nella vita viene coinvolto dal fai da te, per realizzare un accessorio del proprio arredamento, per meglio adattare un mobile alle cambiate esigenze, per la difficoltà a reperire artigiani disponibili ad eseguire piccole ed antieconomiche realizzazioni, la possibilità di raggiungere un risultato più vicino ai propri gusti, senza considerare il risparmio economico, la soddisfazione per aver realizzato un qualcosa in piena autonomia, con le proprie mani, e non ultimo il contributo a smaltire l’inevitabile stress che si accumula durante le giornate frenetiche della vita moderna.

Di cosa abbiamo bisogno per costruire un mobile:

  • Un locale, che può essere il garage, lo scantinato, una stanza poco utilizzata, una veranda, un angolo del proprio studio, ecc.
  • Un tavolo da lavoro, di cui il mercato ne offre di svariate dimensione e prestazioni tecniche, per tutte le tasche.
  • Gli attrezzi. In ogni casa è presente una cassetta di attrezzi più o meno ricca, che bisogna eventualmente integrare con l’acquisto o locazione di qualche attrezzo specifico in funzione del tipo di manufatto da realizzare, come un trapano a colonna per montarci una presa o un sega circolare da banco per creare giunzioni maschio e femmina, facendo capo ai centri di bricolage e fai da te che offrono quest’ultimo servizio.

Programma di lavoro.

Vediamo i passi da seguire, compatibili per qualsiasi applicazione, come costruire uno sgabello, un tavolo, una libreria, un cassetto, ecc.

Stabilito il manufatto da realizzare, bisogna fare un piccolo progetto che prevede:

  • il disegno e relativo dimensionamento,
  • il tipo di materiale,
  • il budget a disposizione,
  • gli attrezzi di cui abbiamo bisogno e come intendiamo procurare quelli mancanti,
  • quale dovrà essere il nostro impegno (limitato all’assemblaggio di elementi da reperire o farci approntare da centri specializzati di bricolage o cimentarci in qualcosa di più),
  • quale tecniche si intende seguire per l’assemblaggio dei vari elementi. Una strada meno professionale, ma più pratica fatta di staffe e angolari, da mimetizzare e coprire con opportuni accorgimenti o una strada più professionale che prevede qualche giunzione, come la spinatura, l’incastro maschio femmina o l'incastro a coda di rondine. Al riguardo, bisogna tener conto anche della destinazione del manufatto. Uno sgabello deve avere le gambe solide e bene ancorate alla seduta, con un incastro a mortase e tenone, un cassetto dovrà avere il frontale assemblato ai laterali con giunzioni complesse, come l’incastro a coda di rondine, ecc.

Una volta stabilita la strategia da seguire, passiamo ad elencare gli attrezzi e il materiale di cui abbiamo bisogno, come listelli, pannelli, viti, chiodi, angolari, carta vetrata, colla vinilica, impregnante, guanti, occhiali da lavoro, ecc. Insomma, dobbiamo immaginare quelli che saranno i vari passi del nostro progetto e quali saranno i punti di riferimento per l’approvvigionamento di quanto abbiamo bisogno. Non volevo spaventarvi, sono un appassionato del fai da te. Il fatto è che, come sempre, “ci vuole più a dire che a fare”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Articoli che potrebbero interessarti:

Fissaggio mensole Fissaggio mensole

Tavolo fai da te Tavolo fai da te