Casette per uccelli


Casette per uccelli


Scopo delle casette per gli uccelli è quello di contribuire, unitamente ad altri elementi, quali piante particolari, mangiatoie, abbeveratoi, a creare l’habitat ideale affinché alcune specie di volatili finiscono per diventare ospiti stanziali del proprio giardino.

La circostanza trae origine da un comportamento remoto, un tempo finalizzato a trattenere nel proprio podere stormi di uccelli insettivori per la salvaguardia delle colture, in assenza dei moderni anticrittogamici. Tra l’altro all’epoca, lo sforzo risultava superiore, dal momento che gli uccelli disponevano di habitat spontanei e naturali in abbondanza.

Oggigiorno, la presenza delle casette per uccelli nel proprio giardino persegue finalità ornamentali ed il piacere di condividere qualcosa con altri esseri viventi del pianeta, per i quali diventa sempre più difficile disporre di uno spazio proprio, compatibile alle proprie esigenze, che in genere non coincidono con quelle dell’uomo, che cerca di asservire tutto ciò che lo circonda alle proprie esigenze ed ai propri piaceri.

Ecco che la presenza di casette nido per uccelli nel proprio giardino assume un significato importante, di rispetto e disponibilità per le altre specie viventi. Queste casette in miniatura, che variano per forma dimensioni in funzione della specie, oltre rappresentano il luogo per la nidificazione, ospitano gli uccelli in presenza di condizioni climatiche avverse.

Non tanto nel nostro paese, ma in molti paesi del mondo, intorno alle casette per uccelli ruotano fiorenti mercati, con svariate tipologie di casette, in funzione della specie di uccelli, della tipologia di giardino, dei posti in cui collocarle.

Esse vanno collocate in posti riparati dalle insidie degli agenti atmosferici, sollevate dal suolo, lontano dalla portata di animali domestici, come gatti e cani e selvatici, quali volpe, faine, rapaci, ecc., quindi sospese agli alberi, appese ai muri, purché ispezionabili in ogni momento. Bisogna fare in modo che l’accesso all’interno della casetta risulta impedito ai predatori di uova e piccoli pennuti, quali gazze e cornacchie.

Per le specie di uccelli che non nidificano una seconda volta nello stesso nido, dopo che i piccoli hanno preso il volo bisogna rimuovere il vecchio nido e provvedere a disinfettare l’interno della casetta.

La forbice dei prezzi delle casette per uccelli, pronte per essere utilizzate, è molto ampia ed oscilla da qualche decina d’euro a qualche centinaia d’euro, in grado di soddisfare le svariate esigenze di budget, per cui tutti coloro che dispongono di uno spazio a verde, ma anche di un terrazzo, possono provare ad ospitare un piccolo pennuto, diciamo un passerotto, una cinciallegra, una cincia, una tortora, una rondine, anche se quest’ultima è una specie migratoria.

Ti è piaciuto questo articolo?

Deve migliorare!

Segui Faidate 360:

Approfondimenti:




La Tua Opinione Conta!

Giudica questo articolo:

Deve migliorare!

Segui Faidate 360: