Abete rosso: caratteristiche, proprietĂ  ed utilizzo del legno.

Quali sono le caratteristiche del legno abete rosso e quali gli utilizzi piĂą comuni? Scopriamo le proprietĂ  di questo legno che offre molte possibilitĂ  di impiego.

Abete rosso: caratteristiche, proprietĂ  ed utilizzo del legno

Caratteristiche e proprietà del legno di abete rosso.

Il legno abete rosso è un legno bianco giallino tendente al colore del miele con venature dritte ricavato da una conifera (portatrice di coni o pigne) sempreverde (conserva le foglie anche per 10 anni) appartenente alla famiglia delle Pinaceae.

Le sue principali proprietà sono:

  • Secca facilmente ed in tempi ragionevolmente brevi.
  • E’ leggero, infatti, una volta secco ha una massa volumica di 410 Kg/metro cubo.
  • E’ tenero, infatti, ha una durezza misurata col metodo di Brinell pari a 12 Newton/millimetro al quadrato. Caratteristica che lo rende particolarmente adatto ad ogni tipo di lavorazione.
  • E’ nodoso. Caratteristica che rende alcune parti del legno inadatte alle lavorazioni di piallatura.
  • E’ resinoso. Al suo interno, incluse nelle strutture legnose, sono reperibili sacche contenenti resina (miscuglio semisolido di varie sostanze di cui il componente essenziale è l’elemento resinoso che è un composto organico della famiglia dei poli terpeni). Condizione che rende difficoltosi alcuni trattamenti come l’impregnamento con oli ma che gli conferisce un elevato potere calorifico se viene utilizzato come legna da ardere.
  • Ha anelli di accrescimento annuali ben marcati e visibili perfettamente per il susseguirsi di legno chiaro di accrescimento primaverile e scuro tardivo.
  • Non presenta grande differenza di colorazione tra alburno e durame.
  • Non ha grandi doti di durabilità. Esso è, infatti, classificato nella classe 4 di durabilità (poco durevole). Dove la durabilità è intesa come resistenza del legno all’attacco di muffe ed insetti xilofagi.
  • Resistenza a compressione assiale pari a circa 38/40 Newton/mm2.
  • Resistenza a flessione pari a circa 70 Newton/mm2.

Caratteristiche dell’albero.
L’abete rosso o Peccio è un albero molto longevo ed ha aspettativa di vita di 400 e più anni. Addirittura nel Parco nazionale di Fulufjället, che si trova nella Svezia centrale, ne è stato censito un individuo, chiamato Old tijco, le cui radici, alla datazione col carbonio 14, sono risultate avere una età di 9558 anni.

L’abete rosso ha un portamento molto imponente, ha, infatti, un tronco dritto e di forma cilindrica che raggiunge facilmente i 50 e più metri di altezza e circonferenze, ad un metro dal terreno, di 5 metri. La corteccia che nella pianta giovane è liscia con gli anni diviene scagliosa ed assume il caratteristico colore bruno rossiccio da cui discende il suo nome.L’abete rosso è spontaneamente diffuso nel Nord Europa ed in alcune regioni del Centro come sono appunto le nostre Alpi. Nel resto della penisola lo si trova spontaneo solo in piccoli siti dell’Appennino Toscano come il passo dell’Abetone.

E’ ben adattato al clima freddo e quindi trova le sue condizioni ottimali di sviluppo a quote comprese tra i 1000 ed i 2000 metri ma si adatta con facilità anche a quote tra 500 e gli 800 metri e sopravvive con disinvoltura anche a livello del mare. Alle alte quote lo si trova spesso in boschi di grandi dimensioni privi di altre specie o al più unito all’abete bianco. Alle basse quote e quasi sempre unito a larici, faggi ed anche a castagni.

Utilizzo del legno del Peccio.

Nonostante l’attitudine a scheggiarsi e la presenza di nodi, la lavorabilità dell’abete risulta abbastanza buona.

E', quindi, un legno che offre ottime versatilità d’impiego :

  • per la costruzioni di mobili.
  • per opere di carpenteria quali la realizzazione di pali e capriate,
  • per costruire case prefabbricate,
  • per realizzare infissi e porte,
  • per realizzare le casse armoniche di strumenti a corda grazie alle sue proprietà quali elasticità e resistenza alle sollecitazioni. Sono particolarmente adatti i tronchi provenienti da alcune abetaie della val di Fiemme in Trentino (il noto liutaio Antonio Stradivari utilizzava solo abeti rossi provenienti da questa valle),
  • come legna da ardere, grazie al suo tenore resinoso il legno di abete rosso brucia facilmente ed ha un elevato potere calorifico. Anche i trucioli e la segatura vengono commercializzati come combustibile sotto forma di pellet.
  • per la produzione di cellulosa e carta grazie alle sue fibre molto resistenti,

Inoltre la pianta ha numerosissimi altri impieghi:

  • come pianta ornamentale, è, infatti, utilizzata solitamente per il tipico albero di natale,
  • come specie di rimboschimento grazie al rapido accrescimento. Esso è molto utilizzato per il rimboschimento di terreni montagnosi e collinari per salvaguardarli dal dissesto idrogeologico, cioè per impedire il distacco di fronti nevosi nelle aree montagnose,
  • per la produzione di resina utilizzata per produrre olio di trementina usata per fabbricare vernici e collanti,
  • per produzione di tannini usati per la concia delle pelli. Si estraggono dalla sua corteccia che ne è particolarmente ricca,
  • per la produzione di oli essenziali e balsami utilizzati in erboristeria grazie alle proprietà balsamiche ed antisettiche.

Costo del legno di abete rosso.

Il prezzo del legno di abete rosso non è elevato perché le dimensioni notevoli dell’albero consentono di ricavare da un solo soggetto una grande quantità di legno. Il costo di una tavola lunga 3 metri, larga 5 cm, spessa 1,5 cm è di circa 4 €.

Supervisore: Giuseppe Travaglione
Indice:

X

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici su Facebook per riceverne ancora!

Sono già un fan di Fai da te 360, non mostrare più questo box.